giovedì 1 ottobre 2015

Cretino e Mazziato

A inizio Settembre viene un tizio con un orologio di una marca che tengo anche io, un modello costoso con cinturino in pelle. Specifica subito che non l'ha preso da me, vorrebbe cambiare il cinturino perchè "si è rovinato subito". In effetti il cinturino, molto chiaro, assorbe molto il sudore e se sudi tantissimo si nota...
Gli dico che è fortunato perchè il cinturino uguale originale ce l'ho in casa, ma lui dice che non ho capito bene - vuole mettere un cinturino acciaio perchè non è possibile che dopo SOLI DUE ANNI il cinturino di pelle vada cambiato.

(innanzi tutto non si era spiegato bene lui, non è che non avevo capito io: "vorrei cambiare cinturino", senza dire altro, significa che se possibile lo vuoi uguale, o almeno dello stesso materiale... e poi "soli due anni" come durata di un cinturino di pelle non sono niente male, ma son dettagli solo di cortesia, non c'entrano con questa storia)

Gli spiego che purtroppo su quel modello non si può montare un cinturino in acciaio. E' un modello particolare, ha una sorta di scalino sulla cassa, e non si può montare il cinturino in acciaio. Esiste in effetti una versione in acciaio di quell'orologio, sembra identica ma il cinturino in acciaio sul modello che nasce in pelle non si può montare. Lui non ci crede, io gli spiego che è un modello che conosco bene, che ho già provato a montare il cinturino acciaio sulla base di quello in pelle, e non ci sta. Sembra tutto perfetto, ma lo scalino impedisce la perfetta aderenza del cinturino.

Non gli sto mentendo: ho un cinturino in acciaio di quel modello, rimastomi invenduto in negozio dopo che appunto non si era riusciti a montarlo. Sad but true, l'assistenza della marca dopo avermi venduto il cinturino assicurandomi che ci stava, non son riusciti a montarlo nemmeno loro, e non mi avevano ridato i soldi riprendendosi il cinturino. Grazie mille, centro assistenza.

Comunque, lui mi dice che forse non ho voglia, e insomma mi rompe le palle, io non so come spiegargli che IL.CINTURINO.DI.ACCIAIO.NON.SI.PUO'.METTERE.

Niente, va via tutto dubbioso e seccato.

Torna ieri, dopo 3 settimane. Ha un'aria di sfida, mi dice "Capo, alla fine l'ho preso il cinturino d'acciaio, hai visto che c'era? Me lo monti? L'ho preso da un'altra parte, ma non riescono a montarlo."

Gli sorrido veramente in faccia, mentre mi interrogo sull'analfabetismo di ritorno, sull'arroganza degli ignoranti, e sulla difficoltà di comprendere concetti semplici in persone di 40anni.

No, il cinturino non glielo monto. IL.CINTURINO.DI.ACCIAIO.NON.SI.PUO'.METTERE.
E infatti ripete che anche nel negozio dove l'ha comprato, non sono riusciti a metterlo. Ma allora perchè stracazzo devi venire a rompere le palle a me, che ti avevo detto che il lavoro non si poteva fare, e che non ci ho guadagnato un euro dalla situazione?
Oh niente, è ancora convinto che sia io che non voglio lavorare, che sia per qualche misterioso motivo colpa mia se nemmeno l'altro negozio è riuscito a montarlo, mi dice "ma non vuoi nemmeno provare?". No, non voglio provare, perchè so il risultato e non vedo perchè perderci tempo.

Nella discussione che segue, scopro anche l'onestà dell'altro negozio (non so chi sia), che un cinturino da vendere a 110 euro l'ha fatto pagare 140. Senza riuscire a montarlo.
Ma in effetti non sono cazzi miei, sono problemi del furbone di turno. Vada a farselo montare dal negozio, lo faccia mandare in assistenza, lo mandi al padreterno: IL.CINTURINO.DI.ACCIAIO.NON.SI.PUO'.METTERE.

E tanti saluti ai 140 euro, boccalone.

18 commenti:

  1. L'imbecille di turno..che razza di cretino!
    possibile che non si vergognino neanche un po'?
    Tranquillo che con un po' di bostik sta su!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il problema principale è l'assenza di vergogna. mi rompi le palle, fai storie, dai i soldi ad un altro, e poi io dovrei risolvere il problema?
      vai di bostik!!!!

      Elimina
    2. Hai la referenza dell'orologio così se per caso dovesse arrivare fino qui in Friuli per farselo montare non ci perdo tempo e lo mando direttamente li da te? :-)
      il modello è per caso un C...... R....C..........?

      Elimina
    3. Sì, è esattamente quello - in questi casi non scrivo le marche per evitare che il cliente vada a cercare su internet per risolvere il problema, e trovi descritta la sua stupidità nero su bianco. Comunque sì, tutti quei modelli sono veramente identici fra acciaio e pelle, ma non sono compatibili. Vai a capire perchè la ditta stampa due casse leggermente diverse per lo stesso modello... anche gli ultimissimi appena usciti hanno questa caratteristiche. Boh.

      Elimina
    4. Comunque niente che un quattro fori nuovi spostati di qualche decimo di millimetro non possano risolvere!
      XD
      Mac Gyver d'Italia unitevi!
      Tadadadadandadandadadadandadada!(va letto col tono della sigla)
      Munitevi di dremel e punta da 1!
      Aiutate questo povero mentecatto che non crede a chi fa questo mestiere da qualche annetto e che oltretutto si fa inchiappettare come un pollastro!

      Elimina
  2. ImpiegataSclerata2 ottobre 2015 07:16

    Se lo può appendere al muro e spacciarlo per arte moderna, di più non ci può fare.

    RispondiElimina
  3. ... ma che il cinturino ce lo avevi anche tu, non glielo avevi detto, la prima volta?

    A questo punto, sarebbe interessante provare a vendergli anche il tuo cinturino, e mandarlo a farselo montare all'altor negozio :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non glielo avevo detto che lo avevo in casa, perchè mi avrebbe chiesto di farglielo vedere, magari smontando quello in pelle, e mi avrebbe dimostrato che ad occhio ci stava. Ad una persona normale deve bastare la parola di un esperto che dice che ci ha provato varie volte e la cosa non è possibile :)

      Elimina
  4. La scrittura di questo post è stata senz'altro liberatoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, neanche tantissimo, perchè il problema del cinturino pagato ma non montato non mi riguarda. Ho solo perso tempo, ma pazienza... c'è roba molto più frustrante in giro ;)
      Ho scritto perchè il blog è un catalogo di tutti gli esempi di stupidità umana, e questo è un fuoriclasse, ma una volta tanto non c'era coinvolgimento emotivo e non mi aveva fatto saltare le coronarie :)

      Elimina
  5. ma esiste un limite alla cretineria? domanda retorica

    RispondiElimina
  6. Altro "indice" da evidenziare, è anche il fatto che abbia pagato (all'altro negozio) per un servizio incompleto. Cioè, mi vendi un cinturino, ma non me lo monti? Anzi, ti accorgi che la cosa non è possibile ma non lo riprendi indietro? Un negozio serio (come il tuo) non credo lo farebbe mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno scenario possibile è anche che il negozio gli abbia detto "non ci sta", e lui si sia comprato lo stesso il cinturino, convinto che io (dopo avergli detto che non si poteva mettere) sarei riuscito a metterlo.
      Oppure ok, l'altro negozio è meno onesto ma più furbo di me.

      Elimina
  7. Troverà qualche orologiaio "cantinaro" (come si dice giù...) che, dremel alla mano, gli limerà lo scalino...e il tipo girerà con un orologio rovinato ma fiero del suo indistruttibile cinturino in acciaio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è il contrario, ovvero è il copriansa ad essere di un millimetro troppo grande, e quindi tu monti il tutto, sembra starci, ma appena lo tocchi, il copriansa inizia a ballare e ti punge il braccio e fa ballare tutto il cinturino.

      Elimina
    2. Avevo inteso lo scalino in senso contrario. Beh, gli metterà uno spessorino con l'UHU e lo spolperà come il pollo che è

      Elimina
  8. Parliamo di un erbilac reitrac ?

    RispondiElimina
  9. convertirlo in una cipolla da taschino :-) :-) :-)


    RispondiElimina