giovedì 22 ottobre 2020

Le feci nel cervello

Tizio, circa 65 anni, al polso orologio automatico piuttosto vecchio. Era già venuto a fine lockdown (fine Maggio), dicendomi che voleva far controllare l'orologio, dicendo che perde un minuto al giorno. Gli dico che, per gli automatici, è un ritardo ancora tollerabile, per quanto fastidioso. Rischierebbe di spendere dei bei soldi per poi magari averlo che ritarda 35 secondi al giorno. Accetta dubbioso, se ne va.

Torna oggi, dopo 5 mesi. 
Mi dice che in questi mesi ha sempre usato l'orologio, e perde mezz'ora. Mezz'ora al mese.
Istintivamente rimango colpito, mezz'ora è tanto. Ma poi subentra il lato razionale... mezz'ora al mese è un fottutissimo minuto al giorno. Ovvero, un ritardo tollerabile.

Il punto è che il tizio non ne vuole sapere, e mi dice:
"Avevo capito la sua spiegazione sul minuto di ritardo al giorno, ma io in questi mesi ho sincronizzato l'ora con il segnale orario il primo giorno del mese, e l'orologio continua ad accumulare ritardi, arriva a mezz'ora al mese, e mi causa problemi, perché non riesco a tenere il tempo giusto e perdo l'autobus, non riesco a capire bene l'ora..."
"Ma perché non regola l'orologio non dico ogni giorno, ma almeno una volta a settimana senza arrivare a mezz'ora in un mese?"
"Perché devo controllare di quanto ritarda. Solo che poi mi confondo e mi crea disagio."
"Sì, ma come le avevo detto mesi fa, un ritardo di un minuto al giorno è tollerabile, anche i Rolex accettano molto più ritardo. Sta a lei regolare l'ora, un paio di volte a settimana."
"Vorrei comunque metterlo a posto, visto che ritarda."

Riparazione rifiutata. Sforzandomi di trovare le parole più gentili per tagliare corto la conversazione e spedirlo fuori. 
Una riparazione del genere avrebbe solo voluto dire "mettersi nei guai con un cliente rompiscatole che preferisce perdere il bus e arrivare in ritardo, piuttosto che sistemare l'orario una fottutissima volta alla settimana". 

11 commenti:

  1. Non sapevo fosse così tanto il ritardo tolleraro.

    E possibile che un orologio a carica manuale invece acceleri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ritardo è tollerato per un motivo fisico, cioè la frequenza di oscillazione che è infinitamente più bassa rispetto a un quarzo (21000 oscillazioni/ora in media contro 30000 al secondo circa per il quarzo), per effetto della gravità, temperatura, ecc... e in questo caso ancora di più vista l'età dell'orologio.
      Carica manuale o automatico non cambia niente, solitamente se accelera da un momento all'altro è perchè si sono incollate delle spire della spirale o per un grosso urto.

      Elimina
  2. gli orologi meccanici sia automatici che manuali possono avanzare o ritardare dipende dal problema...non è che gli automatici vadano solo indietro o viceversa. Comunque dovevi vendergli un radiocontrollato,,,

    RispondiElimina
  3. Aspettavo con ansia il post "feci nel cervello", mi ricorda molto il caso di un mio cliente che dopo avergli rinforzato tutte le maglie di una collana consumatissima si era incazzato perchè era diventata più corta!
    A voglia a spiegargli che se sommi un millimetro recuperato per 80 maglie verrà 8 cm più corta!
    Questo uguale, 1 minuto per 30 giorni fa trenta minuti, no troppo difficile da capire...saaaantapazienzaaaaaaa

    RispondiElimina
  4. Ma questo vuol dire che... L'OROLOGIO RITARDA UN'ORA INTERA IN DUE MESIIIII!
    E IL PD KEFFA?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dice che era previsto, per il passaggio automatico all'ora solare.

      It's not a bug, it's a feature

      Elimina
    2. Se scrivi It's not a bug, it's a feature segui il sito di Davide Bianchi :)
      Sbaglio???

      Elimina
    3. Non sbagli (anche se il modo di dire c'era già prima)

      (Sì, sono lo stesso anonimo del 24 ottobre)

      Elimina
  5. Condivido quasi tutto, ma l'affermazione su rolex è errata: i parametri cosc, ai quali si attengono i rolex moderni sono -4/+6 al giorno. Alcuni modelli Rolex recenti sono garantiti per andare pure oltre, con scarti giornalieri di -2/+2 secondi al giorno.
    I modelli vintage, non certificati Cosc hanno parametri di tolleranza più ampi, ma 30 secondi al giorno o peggio ancora di più, sono moltissimi su qualsiasi orologio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo probabilmente appena usciti dalla fabbrica, o come dici tu rolex moderni, potrebbe essere veritiero, ma qui stiamo parlando di un "orologio automatico piuttosto vecchio" al quale non è stata fatta manutenzione infatti il signore voleva farlo controllare.
      Un ritardo di +/- 2 sec/giorno o anche -4/+6 anche per un rolex "piuttoso vecchio" è molto difficile da raggiungere anche spendendoci sopra qualche mucchietto di euro, considerando anche l'uso, la temperatura e tutti gli altri parametri di un orologio indossato ogni giorno.
      Il vecchietto in questione avrà avuto il classico orologio anni 50-60 di fascia medio-bassa che "non mi ha mai dato problemi non capisco perchè ora non va più bene" che non considera che l'età non fa bene nemmeno al suo orologio.

      Elimina
  6. ...mah, il cliente è un po' strano, ma un minuto di anticipo/ritardo al giorno è tantissimo. Quell'orologio andrebbe revisionato...

    RispondiElimina