martedì 28 aprile 2015

25 Aprile: negozio CHIUSO

Martedì 28 aprile: ragazzi, quanta merda sto mangiando oggi da parte di alcuni clienti, che Sabato scorso, 25 Aprile, sono venuti in negozio e l'hanno trovato chiuso.
Come mai l'han trovato chiuso?

PERCHE' IL 25 APRILE E' FESTA NAZIONALE.

E durante le feste nazionali non lavoro, soprattutto una festa come il 25 Aprile.

Non mi interessa se i centri commerciali e i supermercati sono aperti (chiedete alle cassiere quanto sono felici!), non mi interessa se oltre metà dei negozi della mia via sono aperti.
Personalmente, non sono andato a far la spesa, a fare un giro per i centri commerciali, a "spendere soldi". Perchè è un giorno che fino a pochi anni fa era "sacro", si stava chiusi e se proprio non si voleva riflettere sulla libertà conquistata nel 1945, si stava in famiglia a riposarsi un po'.

Io al 25 Aprile tengo ancora, mi spiace solo che si sia combattuto (anche) per permettere al mondo di diventare così consumistico, in cui il diritto fondamentale della persona è quello di uscire e spendere soldi, ed il diritto accessorio è quello di scrivere su facebook "liberati da chi?" "siamo schiavi dell'America" e l'immortale "era meglio quando si stava BENISSIMO con Lui" (scritto possibilmente da qualcuno di 23 anni).

Di sicuro ci ho rimesso più io a tenere chiuso il negozio un sabato (in periodo di comunioni, poi) che non il cliente che stamattina si lamentava che "era venuto apposta" per cambiare una pila. Fosse stato uno, ok. Ma pare che tutti Sabato siano passati con la pila in tasca e abbiano vissuto il dramma di una saracinesca abbassata.

6 commenti:

  1. ImpiegataSclerata28 aprile 2015 20:01

    Santo cielo... Che tristezza di persone. Tanta solidarietà.

    RispondiElimina
  2. Massima solidarietà, e anche stima.
    ( Io come qualsiasi altro giorno di festa ho lavorato, ma la gente viene al cinema perché giustamente è in vacanza )

    RispondiElimina
  3. Stupendi quelli che "siamo sotto la dittatura degli americani". Gli ci vorrebbe olio di ricino e ossa rotte sotto tortura come ai bei vecchi tempi per capire cosa cazzo sia una dittatura. Una massa di capre, c'è poco da fare.

    RispondiElimina
  4. E intanto quest'anno niente corteo a Romeo, grazie ai 23enni con bandiere palestinesi che insultavano la brigata ebraica l'anno scorso, dimenticando che durante la guerra i palestinesi stavano coi nazisti. Ma si sa, anche la seconda guerra mondiale sta scivolando oltre l'orlo della storia, e diventerà come le guerre d'indipendenza, la notte di san Bartolomeo e simili. Si, si conosco, ma sono STORIA. Purtroppo è così.

    RispondiElimina
  5. Massima solidarietà, e anche stima.
    ( Io come qualsiasi altro giorno di festa ho lavorato, ma la gente viene al cinema perché giustamente è in vacanza )

    RispondiElimina
  6. Sull'argomento rimando a quell'articolo sulla montagna di merda scritta da scimmie che battono sui tasti freneticamente da quando c'è internet.
    Sul resto, tanta stima.
    Ahaha il dramma della saracinesca abbassata, ma lol

    RispondiElimina