martedì 8 gennaio 2019

Un nuovo pazzo all'orizzonte

29 Dicembre.
Tizio vestito bene, sui 65 anni, onestamente non ricordo di averlo mai visto prima, mi saluta tutto amichevole. E' venuto per dirmi che il 22 Dicembre, sette giorni fa, aveva trovato fuori dal mio negozio un paio di guanti e li aveva appoggiati al davanzale proprio accanto alla mia porta d'ingresso. Mi chiede se li avevo ritirati io, se era passato qualcuno a chiederli. Gli dico che sì, li avevo messi in negozio e sono ancora lì. Mi chiede se glieli posso dare, visto che passati 7 giorni se una cosa smarrita non è reclamata, diventa di chi la trova.
Io già lo bollo come mezzo matto, ma dei guanti non mi frega niente, se li prenda pure (valore commerciale circa 5 euro al mercato). Se si levasse dalle palle subito, sarebbe già degno di finire su questo blog come "curiosità", ma siamo in realtà solo all'inizio.

Inizia a dirmi che ho proprio un bel negozio, lui abita in un'altra città e non aveva mai visto questo negozio, era in zona per Natale e aveva trovato i guanti e visto la vetrina, ho delle cose interessanti. Mi chiede subito un paio di modelli in vetrina, mostrandosi anche abbastanza competente sulle loro funzioni - onestamente, pensavo uno dei due lo comprasse, ma "non ho dietro abbastanza soldi, tornerò".
Ok.

Poi inizia a guardare TUTTE le decorazioni del negozio, sia quelle natalizie che quelle normali, chiedendomi cosa sono e se sono in vendita. Pezzo-per-pezzo.
Luce con su scritto "Buon Natale"? Non è in vendita.
Movimento di orologio disassemblato e sotto resina? Non è in vendita. ("L'ha fatto lei?" No, l'ho comprato. "Non ha le competenze per farlo?" No, onestamente no.)
Mini-casco motociclistico usato come espositore nella vetrina di una marca sportiva? Non è in vendita.
Alberello di Natale in feltro? Non è in vendita.
Mini-presepio regalatomi da una associazione? Non è in vendita. ("Proviene dall'Africa?" Non ne ho idea. "Io sono stato volontario in Africa, mi pare il loro stile". Ah.)
Cartello pubblicitario della Citizen? Non è in vendita e penso proprio che tu mi stia prendendo per il culo. Ma che cazzo chiede, uno, se è in vendita un cartello con su un orologio?

Si passa poi agli orologi: di ogni marca mi chiede di vederne un paio - io tiro fuori il paio indicato, dopo che li guarda li rimetto via immediatamente, perchè comunque di un tipo così mi fido poco e non vorrei mi rubasse qualcosa. E' un atteggiamento sgarbato, metter via subito mentre ancora si sa valutando l'acquisto, ma volevo mandare proprio un messaggio negativo, per far capire che non era più molto il benvenuto.
Sta cosa va avanti per TUTTE le marche, almeno mezz'ora. Mi chiede che sconto faccio ("Posso fare un minimo arrotondamento, ma non è che ci siano sconti particolari"; "Da altre parti spesso mi fanno il 20-25% in meno" - SEE, BUONANOTTE proprio...).
Ad un certo punto si innamora di un orologio di plastica da 35 euro, tira fuori i soldi e se lo compra. Garanzia, scontrino, a posto.
Mi chiede un biglietto da visita. Poi me ne chiede un altro, perchè così uno lo tiene nel portafogli, l'altro in macchina in caso di emergenza.
(IN-CASO-DI-EMERGENZA?!?!?)

Penso che il supplizio sia finito, siamo già intorno ai 60 minuti di permanenza in negozio.
Ah, altro dettaglio: ovviamente mentre seguivo lui, in un'ora saranno venute una decina di persone, che servivo mentre lui andava in secondo piano. Quando uscivano, lui le salutava e augurava buon anno a tutti.

Dicevo: penso che, con il fondamentale acquisto di 35 euro, la cosa sia chiusa.
Invece no, dice che vorrebbe cambiare il cinturino dell'orologio che ha al polso. Tiro fuori il raccoglitore, con circa 100 modelli per la sua misura. Li guarda uno per uno. Ne tira fuori una manciata, li prova accanto al suo orologio, per ognuno fa commenti su come gli starebbero con questo o quel completo.
Alla fine ne sceglie uno (21 euro), lo monto.
Continua a far parole su parole su parole, esce all'orario di chiusura, 12.30 in punto. Totale permanenza nel negozio: un'ora e quarantacinque.

Io in casi come questi mi chiedo se non può essere un lettore di questo blog, che sia venuto per prendermi segretamente per il culo. Dopo tutti questi anni, ancora non mi abituo al pensiero che ci sia in giro gente di questo tipo, per la quale è normale stare in un negozio quasi due ore e pensare di essere "un buon cliente" perchè hai speso 55 euro per due oggetti.
Quindi, se tu leggi questo blog e sei questo tizio, ciao. E vattene affanculo, grazie.

13 commenti:

  1. Non hai idea di quanto mi faccia bene leggere il tuo blog, a volte penso di averli tutti io gli psicopatici-stalker-rompipalle-amicidivecchiadatavistochetistocomprandoqualcosa-daisufammiunosconto.
    Come è andato il Natale e l'anno giusto per curiosità?
    A me non benissimo, anno in calo e Natale peggiore della storia, stiamo rivivendo gli anni 12-13-14 purtroppo.
    E non è un discorso di mancanza gente, ma di scontrino medio il negozio è comunque frequentato e di annoiarmi non se ne parla.
    Grazie per la risposta in anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è andato male al punto da non averne voglia di parlare nel primo post dell'anno. nel secondo magari tirerò le somme, ma non ho molto altro da dire rispetto a quel che hai delineato tu, purtroppo.

      Elimina
    2. Grazie della risposta apprezzo molto la sincerità che traspare dalle tue parole.
      Sinceramente ora mi trovo in una situazione societaria molto combattuta e sto cercando degli stimoli extra per prendere coraggio per fare un finanziamento e fare il passo.
      Ma con questa situazione assolutamente imprevedibile mi sto facendo molte, molte domande.
      Grazie ancora

      Elimina
    3. Rimani sintonizzato, i conti li tirerò... non ne ho scritto anche perchè non sapevo se stupire tutti con cifre o percentuali. Per puro caso poi ho trovato i conti del 2006, e sono mostruosi (tenendo anche conto che nel Dicembre 2006 non avevo neanche idea di cosa stessi facendo, eppure le vendite volavano - tragico dire che tutto quel patrimonio andava in arretrati di riba, riba nuove esageratamente gonfiate per acquisti da impreparato, e risarcimenti di tasse). Devo vedere se ho voglia di mettere giù i dati duri, o fare un post vagamente triste e tirare avanti.
      In generale, io sconsiglierei a chiunque di lanciarsi nel campo del commercio, quindi a te che ci sei già dentro ma vorresti farne un passo in più, chiedendo anche un finanziamento, puoi immaginare cosa direi: escine subito finchè sei in tempo. Ma questa è la mia idea, non conosco la tua situazione, e d'altronde nemmeno io me ne sto tirando fuori, semplicemente perchè avrei problemi a trovare altro.

      Elimina
    4. Si lo so come la pensi ti seguo ormai da anni e siamo già stati d'accordo su un sacco di cose svariate volte.
      Noooo non andare così indietro nel tempo per carità al massimo vai indietro di 5 anni che ti fai meno male.
      Parlando di situazione è questa:
      -i muri non sono miei quindi ho pure l'affitto da pagare
      -un socio vuole togliersi quindi va liquidato
      -ho quasi 40 anni e famiglia
      -non è un'attività di famiglia quindi i bei vecchi tempi d'oro non li ho mai visti, solo sentito parlare. Quindi non ho spalle coperte da cataste di contanti
      -paesino piccolo sulle 10000 anime
      Lascio a te le considerazioni
      Vogliamo i dati duri no tristezza che poi arrivano i soliti a chiederti perché non cambi lavoro!

      Elimina
  2. Eddai, almeno qualcosa ha comprato!
    Pensa se alla fine non comprava nulla... o peggio ancora, se diceva "ci penso e torno tra qualche giorno"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. capisco il commento, e che "55 euro sossoldi", ma davvero stare a seguire una cosa del genere per quasi due ore, sentire stronzate su stronzate su stronzate, non ha un prezzo preciso. il prezzo sarebbe la dignità, mia e pure sua...

      Elimina
  3. Arrivato al cartello pubblicitario della Citizen sono morto dal ridere. Quello però potevi venderglielo, chissà quanto sarebbe stato disposto a pagare.

    RispondiElimina
  4. Mai potrei lavorare in un negozio, a fine giornata non saprei dove mettere i cadaveri...
    Nooo che pazienza che ci vuole...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io il posto ce l'avrei pure: sotto il negozio c'è una cantina enorme e vuota.
      Giusto per dire... ;)

      Elimina
  5. Alla richiesta pezzo per pezzo se era in vendita ho riso molto, ma capisco che dal vivo la cosa possa non essere per niente divertente e anzi inquietante.
    Cmq non so, potrebbe essere una persona sola che va per negozi in cerca di compagnia? Capisco che, soprattutto in questo modo, per il negoziante non sia tanto simpatico, però potrebbe esserci anche una motivazione del genere. Dai, se dovesse tornare, chiedigli qualcosa, così almeno vien fuori materiale per il blog.

    RispondiElimina
  6. Non è che ti ha chiesto pure se l'estintore fosse in vendita? Sai, per usarlo come vibratore anale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahah. L'estintore per fortuna non lo vede quasi nessuno (e nessun pazzo), perchè è dietro il bancone.

      Elimina