martedì 13 gennaio 2009

Voglia di lavorare?

16.15 - Entra una donna impellicciata sui 45 anni, molto ben vestita, ha una marea di pacchetti in mano delle marche più chic in città, sarà stata a far saldi.

Per una frazione di secondo mi illudo che voglia comprare qualcosa di costoso anche da me. Ma, si sa, io sono qui a cambiare "pile subito".


"Sì, per la pila me lo deve lasciare, viene pront.."

"NO!"

"Eh, è solo fino a domani mattina, dicevo! E' una cosa di cui si occupa il tecnico che viene la sera"

"No, no, non lo lascio!"

"Nessun problema allora, arrivederci!"

"E pensare che uno pensa che nella cittadine piccole la gente ha più voglia di lavorare, invece lei è già il secondo che mi dice che devo lasciare l'orologio per la pila"

"...?" (-immaginate l'espressione di uno a cui non gliene frega niente-)

"A Milano queste cose me le fanno subito"

"Vada a Milano allora, nessun problema!"

"Ci vuole un attimo sa, a cambiare la pila?"

"Non mi dica!"

"Lo so, perchè a Milano me lo fanno subito"

"Io no perchè sono addetto vendite, il tecnico viene la sera, capisce la differenza? Non le cambio IO!"

"E' che lei non ha voglia di lavorare"

(comprimo la rabbia e sto zitto un attimo) "Vada in quell'oasi di felicità che è Milano allora... ci vada ora però!"


(segue imbarazzante silenzio mentre lei raccoglie i suoi cinque pacchetti costosissimi ed esce)


Facciamo un calcolo. Sono le 16.15. Se vai a Milano usando i mezzi e partendo adesso, il negozio chic rischi anche di trovarlo chiuso. Ergo devi andarci domani. Domani avresti potuto tornare da me.

Ma capisco che sia una questione di orgoglio e principio, trovare uno schiavetto che cambia la pila subito e si sottomette ai tuoi bisogni di ******* ricca che non sa cosa vuol dire lavorare - d'altronde quello che in pieno pomeriggio era in giro a far shopping non ero mica io.

24 commenti:

  1. Ma che simpaticona...

    Non so davvero come fai tu a rimanere così pacato...Io al "voglia di lavorare" le avrei tirato dietro un fermaporta...!

    RispondiElimina
  2. usare il suo bel faccino per pulire il bancone non sarebbe stata una cattiva idea -_-

    RispondiElimina
  3. Curioso vedere come la "voglia di lavorare" affiori alle labbra sempre di persone che in quel momento non stanno facendo un benemerito cazzo se non i propri comodi.

    Chi li avrà guadagnati i soldi che la sopracitata signora stava spendendo per negozi? Lei? ...sono pronto a scommettere di no...

    RispondiElimina
  4. utente anonimo13 gennaio 2009 23:17

    magari anche lei, con la tecnica succhia succhia o ammore lungo lungo (citazione da Full Metal Jacket)

    RispondiElimina
  5. utente anonimo14 gennaio 2009 09:41

    ma poi, che visione ha delle "piccole cittadine"? crede che ci abitino dei campagnoli che non lavorano tutto il giorno, in attesa che arrivino le fortunate e ricche persone di città, nella speranza che gli lascino qualche soldino per le loro casette di legno?

    in altre parole, che testa di... - mi associo al complimento sul tuo self-control.

    RispondiElimina
  6. utente anonimo14 gennaio 2009 10:12

    Domenica pomeriggio. Sto guardano alla televisione i risultati delle partite, quando suonano il campanello di casa. La casa e l'azienda (agricola, chiusa la domenica pomeriggio). Alla mia obiezione che "è domenica anche per me" mi è stato risposto "che tanto non stavo facendo nulla"...

    RispondiElimina
  7. scusate, hobbit e thunderworld!!!

    volevo editare i vostri messaggi ma splinder li ha cancellati tout-court - è che "censuro" i riferimenti al "paesino esatto" dove vivo, tengo un minimo di privacy per ste cose! :)


    scusatemi!!!

    p.

    RispondiElimina
  8. Hai ragione tu scusa, non ci ho pensato ;)

    RispondiElimina
  9. thunder, scusami anche lo slittamento semantico... da spada del tuono sei diventata parole di tuono. woops :P


    RispondiElimina
  10. Nemmeno me n'ero accorta!


    Se vuoi mandami un pvt, cambio orologiaio volentieri ;)


    Bacioni

    RispondiElimina
  11. utente anonimo14 gennaio 2009 12:04

    "ci vada ora però!"

    Ahahahah


    Le avrei dato un cazzotto in pieno petto!!!


    Fyaa

    RispondiElimina
  12. "Vada in quell'oasi di felicità che è Milano allora... ci vada ora però!"

    (standing ovation)

    Ti prego dimmi che gli hai risposto davvero così!

    RispondiElimina
  13. il popolino beota ha sempre da lamentarsi parlando di cose che non conosce.

    Poi ora che da cittadini si è passati a clienti,è la pacchia delle troione come sta tipa qui.

    Io sostengo che un piccolo gulag a disposizione per codesti italioti sia sempre più urgente.Un po' di rieducazione facile facile,tipo:lavora e taci,poi ne riparliamo!

    RispondiElimina
  14. Penso che forse la parola giusta sia stata "deve andarci subito", sottinteso più fortemente che doveva lasciare il mio negozio al più presto. Le stavo rendendo chiaro che per me la conversazione era finita a "non c'è problema allora, arrivederci", e le sue lamentele poteva pure farle rivolgendosi alla porta del mio negozio, per l'interesse che stavano suscitando.

    RispondiElimina
  15. utente anonimo14 gennaio 2009 20:43

    P., fatti un pupazzo con un calzino e un paio di palline da ping-pong, e quando iniziano con questi deliri te lo metti su na mano e gli dici "Parli con lui, io ho altro da fare"...

    Lemmyfan

    RispondiElimina
  16. "A Milano queste cose me le fanno subito... a Milano me lo fanno subito"

    AHAHAHAHAHAHA

    Signora mia, beata lei... comunque caro orologiaio forse SEI TU CHE NON HAI CAPITO... mi sa che la tizia non cercava propriamente un "cambio/pila"...

    RispondiElimina
  17. beh intendi dire che forse cercava un cambio/faccia in stile occhio nero e naso un po' più grosso? ;)

    RispondiElimina
  18. Che odio La Gente che viene dove lavori a dirti che non hai voglia di farlo... s'impiccassero tutti!

    RispondiElimina
  19. Ricorda "Il puttanone" di Gino e Michele :-) Cmq se hai risposto davvero "vada in quell'oasi di felicità che è Milano, allora", diventi ufficialmente il mio mito personale

    RispondiElimina
  20. a volte credo che Noi dobbiamo sopportare queste cose in modo da espiare peccati compiuti in vite precedenti... anzi no, è solo perche la gente non capisce un cazzo!

    RispondiElimina
  21. non mi scorderò mai la mia prima notte bianca.

    orario di lavoro 17:30-06:00

    ore 4:00 arriva gente, io speravo di chiudere e dato che ci vuole un'altra ora e mezza per sistemare non devo aver fatto una bella espressione (la "cortesia" aveva già finito il turno) e il tipo se ne esce con la bellissima frase "stavate GIA' chiudendo?cos'è non avete voglia di lavorare oggi?"

    ma tu la voglia di una pizza alle 4 di mattina dove l'hai trovata??????

    RispondiElimina
  22. @Tyler: quindi in una vita precedente siamo stati Kapo in lager nazisti e gulag russi? E' questo che ci stai dicendo? T_T

    RispondiElimina
  23. io probabilmente obbligavo i ragazzini a lavorare nelle miniere di carbone, e adesso ne pago le conseguenze. saluti dal brasile orologiaio!

    RispondiElimina