giovedì 19 febbraio 2009

Lo Stalker


Ora vi racconto di un nuovo personaggio destinato a entrare nella gallery dei freak del mio negozio, al pari di FBI. Lo so già che tornerà, tornerà, tornerà. E le mie palle saranno sempre più frantumate da lui.

Il fatto è che, nonostante forse voi sorriderete al mio racconto, vi assicuro che avere questo cliente in negozio è pesantissimo, mi ha innervosito il primo giorno e alla fine mi ha rovinato la giornata, e oggi (terzo giorno di fila di visita), quando l'ho visto mi è venuto un principio di ulcera. Quindi, stavolta ridete di me, non con me - io suono campane a lutto, per sto cliente.

Una nota: calcolate che la dimensione del mio negozio sarà più o meno come il salotto di casa vostra. Non è uno spazio enorme, una persona in giro la si nota, dopo un po' dà fastidio e inquieta, se continua ad aggirarsi.


MARTEDI


Ore 9.25, si presenta un cliente, sui 50 anni. Lo riconosco perchè ha una faccia "di quelle che non ti scordi" (e non è esattamente un complimento), e infatti al polso ha un orologio automatico che gli ho venduto tre anni fa. Mi dice che ha iniziato a stargli un po' indietro, io gli dico che probabilmente è ancora in garanzia e quindi è fortunatissimo, visto che glielo posso far sistemare senza spendere niente. Lui è contento, tutto, andrà a casa a prendere la garanzia. Di solito questo tipo di interazione clerk/cliente finisce qui, con sorrisi e appuntamenti a domani con la garanzia.

Questo tizio chiede però se può dare un'occhiata agli orologi. Ma certo, se ha bisogno mi dica, guardi pure eh.

Dopo 10 minuti sta ancora guardando in silenzio.

Dopo 20 minuti sta ancora guardando in silenzio.

Dopo 40 minuti sta ancora guardando in silenzio.

Dopo... ecco, perdo il senso del tempo perchè nel frattempo servo una decina di clienti per pile (lasciare o ritirare), vendo pure un orologio da tasca. E lui niente, continua a mettere la faccia a 0,5 centimetri dalle vetrine e scrutare. Dopo 80 minuti è ancora dentro, e mi chiede spiegazioni su cosa siano i Citizen Eco-Drive. Rispondo cortesemente con la storia che sono orologi senza pila che vanno con la luce, bla bla bla, e lui si illumina, sclera per sta tecnologia, dice che sarebbe più comodo che non avere al polso un orologio automatico che se non lo usi per due giorni si ferma. Parla come se avesse bevuto 10 caffè, mi esalta le doti dell'Eco Drive, manco lo dovessi comprare io.

Poi entrano altri clienti, lui rimane lì davanti alla vetrina Eco-Drive.

Allo scoccare delle ore 11.00, decido che se avessi un taser, lo sparerei sul cliente che continua ad aggirarsi in silenzio nel negozio (ricordatevi: negozio piuttosto piccolo, non è che possa far finta che lui non ci sia...).

Dopo aver riflettuto sul da farsi (la mazza da baseball che ho nel retro-negozio è una tentazione), decido di sparare un puttanata diabolica. Gli dico che è venuto il momento della mia pausa caffè e ora chiudo il negozio per un po', se si vuole accomodare.

Esce, saluta come niente fosse.


Risultato della sua visita: zero euro incassati, e nuovo record di permanenza di un cliente in negozio: CENTO MINUTI. Una fottutissima ora e quaranta fottutissimi minuti.

Giusto per dire, io la mattina sto aperto 195 minuti. Metà della mattinata è trascorsa con sto pazzo in negozio. E io sono stato iper-gentile con lui.


MERCOLEDI


Apro alle 9.15.

9.20, suona il campanello. E' il pazzo.

Mi porta la garanzia. Benissimo, è ancora valida, manderò l'orologio in laboratorio e appena pronto le faccio sapere.

Di solito le transazioni clerk/cliente finiscono qui, con la rassicurazione che grazie alla garanzia, sarà tutto sistemato senza dover pagare niente.


Il pazzo no. Chiede se può dare un'altra occhiata. Sarei tentato dal dirgli di no, ma va bene, vediamo che succede.

Passano 10 minuti di silenzio, con lui incollato alle vetrine e io imbarazzatissimo, che non so che fare.

Dopo 15 minuti, mi chiede se può vedere un Eco-Drive, un modello molto bello tra l'altro. Gli piace, me ne decanta LUI le qualità, chiede se glielo posso mettere da parte e me lo paga a rate.

La tentazione è dirgli di no, perchè pagare a rate vuol dire vederselo _almeno_ una volta al mese per i prossimi 5-6 mesi. Ovviamente mi chiede pure lo sconto, e scontato gli faccio 350 euro, cifra tonda va. Ma vabbè, son qui per vendere, vendiamo, ma vi assicuro che concordando questa vendita, sento che sto vendendo la mia dignità.


Di solito le transazioni clerk/cliente finiscono qui, con il cliente che lascia un acconto e se ne va.


No. Un'altra occhiata non farà male.


Alla fine il tizio esce dopo 35 minuti dall'entrata.


GIOVEDI


Mentre imbocco la via del mio negozio, all'angolo vedo una giacca a vento familiare. Non può essere. Mi viene mal di stomaco.

E invece...

9.15.10 (dieci secondi dopo aver tirato su la saracinesca). L'inquietante figura mi si presenta alla porta. Ridacchia.

Entra, e io gli dico "Buongiorno. Cosa c'è oggi?", con un tono abbastanza aggressivo.


La sua risposta mi fa capire che è uno stalker, e che probabilmente è innamorato di me, o chissàcazzo cosa. Ma sa di scusa implausibile, quello che mi dice. Mi dice:


"Sì buongiorno, mi è venuto un dubbio ieri sera: ma ieri quando le ho portato la garanzia, le ho lasciato qui anche la custodia di cartoncino della garanzia? No perchè non la trovo più a casa, ed è una cosa che non vorrei perdere!"


Notare che la "custodia di cartoncino" è un pezzo di cartoncino verde, dentro al quale sta il libretto della garanzia. Una cosa fondamentale nella vita di una persona.

Comunque sì, me l'ha lasciata, io ritiro tutto e dò indietro tutto, può stare tranquillo.


Di solito le transazioni clerk/cliente finiscono qui, con il cliente che è contento di non aver smarrito un elemento fondamentale della sua vita, e quindi se ne va.


No. Senza neanche chiedermi niente, inizia ad aggirarsi per il negozio. Io non gli parlo più, inizio a leggere il giornale, poi sistemo degli orologi, il silenzio è pesante e inquietante. Mi chiede una cosa (non ricordo cosa, ma una cazzata), gli rispondo a denti stretti.

Dopo 30 minuti dall'ingresso, se ne va. A me rimane un senso di inquietudine che mi porterà dritto dagli psicofarmaci.

Domani tornerà? Dio ti prego no. No. Speriamo.



***CONSIDERAZIONI***


Ora, non so come interpreterete questo mio resoconto. Alcuni di voi colti da pietismo, mi diranno che devo capire, che sarà un poveraccio, che sarà solo al mondo. Sì, io posso anche capirla sta cosa. Ma un negozio non è un ricovero per malati mentali, per persone sole. Se uno vuole fare quattro chiacchiere ben venga.

Ma stare in silenzio per un'ora e quaranta, aggirarsi in uno spazio molto ristretto, ridacchiare come un pazzo, venire ogni giorno, è fuori da qualsiasi mia tolleranza. Sono cattivo? Se lo pensate, è perchè non lavorate a contatto con il pubblico. Sì, il tizio si è fatto mettere da parte un orologio che mi pagherà nell'arco di sette mesi. Ma questo non è un cliente normale. E non so come finirà la storia.

Se pensate che io sia sgarbato, cinico, cattivo... non potete capire cosa vuol dire lavorare a contatto con dei pazienti, e non dei clienti.

Scusatemi il post extra-extra large. Io spero di essere riuscito a comunicare la follia che ha attanagliato me e il negozio grazie a sto tipo.

26 commenti:

  1. hai tutta la mia comprensione!

    so benissimo cosa vuoi dire, io con gli psicodrammi ci convivo!

    Luchino

    RispondiElimina
  2. propongo di assoldare qualcuno che si presenti domani e lo meni


    ibankoibra

    RispondiElimina
  3. Io ti capisco benissimo, lavoro in una biblioteca (che è più un internet point con vari servizi comunali, viavai continuo e accoltellamenti per i posti liberi). Tutto il turno a contatto col pubblico, posto piccolissimo, praticamente sempre da sola (a parte gli utenti, ovvio), e purtroppo di gente così ogni tanto ce n'è.


    Devi essere gentile perché non è che facciano niente di male, è vero, ma l'ulcera è dietro l'angolo.


    Non sei cattivo né cinico a sfogarti, anzi ti dirò: lo ammetto, una volta ho colto apposta un atteggiamento appena più fastidioso del solito di uno di questi soggetti per alzare un po' la voce io, far sclerare lui e così avere un motivo per buttarlo fuori, con tanto di minaccia di chiamare le forze dell'ordine.

    Mi sono sentita stronza per un po'. Ma alla fine il tizio (che comunque veniva a bivaccare e non a fare cose utili) non si è più fatto vedere, io ci ho guadagnato in salute e anche gli altri utenti "normali" sono molto più contenti).


    Scusa la lunghezza ma volevo esprimere solidarietà :)


    Maya Biblioprecaria

    RispondiElimina
  4. Sì, hai anche la mia comprensione.

    RispondiElimina
  5. Mi piace il commento della signora della biblioteca. E' saggio. Penso che sia importante essere fermi e non avere paura di nulla. Neanche di una ipotizzata ulcera. Noi attiriamo su di noi le esperienze. Messa così vorrebbe dire che ti stai sperimentando con un essere umano fuori dai tuoi parametri. Io penso che si stancherà. Salvo che non sia un furbone che ti vuole scroccare un orologio per sfinimento.Ma hai mai provato a farti amico un " matto"? Forse è l' esperienza che hai attirato a te. Ti comprendo anche nelle tue fughe dal negozio. Dagli 5 minuti e poi digli che devi fare una commissione. Mica ti accompagnerà!

    RispondiElimina
  6. Liberatene, fai come ha detto la bibliotecaria, questa gente non porta nulla di buono - e se perdi una vendita chissenefrega, non sarà il suo orologio a farti diventare ricco, vale molto di più la tua tranquillità.

    RispondiElimina
  7. è inquietante ç_ç direi che anchio al posto tuo se avessi una mazza sul retro avrei valutato seriamente di usarla -_-

    RispondiElimina
  8. Si, credo che gli interessi proprio tu... avrai conferma in settimana comunque, se lo troverai fuori ad aspettarti con cappuccino e cornetto in mano...

    BRRRRR!!!!

    RispondiElimina
  9. Come ti capisco, questo mi da l'ispirazione per scrivere di un figuro che viene in libreria da me, che somiglia molto al tuo stalker, il mio viene almeno due volte la settimana, spesso due giorni di fila, sta dentro pochi minuti, entra con la faccia di uno che ha appena pestato una cacca e si sta pulendo..ed esce con la faccia di uno che la cacca non è riuscito a togliersela! Ma che gente!

    RispondiElimina
  10. LIBERATENE al più presto ! Potresti portartelo avanti per sempre . Prendilo anche di petto e digli che ne so che in negozio si sta se si vuole acquistare o richiedere un servizio , etc etc e che non puo' stare li'. Devi liberartene !

    Se oppone resistenza chiami i vigli che gli faranno un bel T.S.O. , perchè è molto probabile dalla descrizione che fai che sei in presenza di uno schizofrenico o di uno schizoide che ha preso una brutta strada.

    RispondiElimina
  11. Dev'essere il tema della giornata.

    Prima ho letto questo: http://www.repubblica.it/2009/01/sezioni/politica/stalking/angeli-radice/angeli-radice.html?rss

    e poi per alleggerirmi, ho pensato di leggere il tuo blog (oggi mi delurko)...mi è venuto un colpo quando ho letto il titolo del post!

    Comunque, hai tutta la mia comprensione...

    Chiara

    RispondiElimina
  12. Di solito le transazioni blogger/commentatore finiscono qui, con il commentatore che lascia un saluto e se ne va.

    NO. Io non riesco a smettere di ridere...

    Anche se malinconicamente perchè stamattina anch'io ho avuto la mia pazza... Come faremo...???

    -_-


    Fyaa

    RispondiElimina
  13. 100 minuti...mi sembra folle...non so come hai resistito...il tipo deve avere dei problemi mentali grossi (sono serio) poichè dopo 5, dai, 10 minuti chiunque andrebbe via.

    I casi sono:

    - è pazzo

    - ci vuole provare con te

    - ti studia x fare una rapina (bravo mona, come se poi lui non è il primo di cui sospetteresti)

    ...mah...


    MAO

    RispondiElimina
  14. Situazione pensante, altroche'. Se anche domani sara' da te penso che dovrai trovare un modo per sfancularlo... altrimenti non te lo scolli piu'.

    RispondiElimina
  15. mi dispiace... mi ricorda quella volta che uno aspettò la hendrik nel bar per 4 ore. e ogni tnato veniva nella hall dicendo "faccio due passi". il problema è che se provi a riempire il silenzio con qualche discorso, poi magari lui crede che ti sta simpatico. sei nella merda amico.

    RispondiElimina
  16. hai tutta la mia comprensione ,è stato inquietante leggere di questo tipo. averlo in negozio immagino sia stato anche peggio

    RispondiElimina
  17. Sgarbato, cinico, cattivo? Forse, e di FORSE, saresti sgarbato se gli ripassassi la mazza da baseball sulla schiena. Sicuramente non se gli andassi a dire "Questo non e' un centro sociale e alcuni clienti mi hanno segnalato un senso di disagio per la sua costante presenza in negozio, indi RAUS!"

    Sbarazzarsi subito di questi personaggi che non hanno nulla da fare che non rendere un po' piu' miserabile la vita del prossimo.

    Stamattina l'ho fatto con uno che mi chiedeva vita, morte e miracoli per una serie di comics (dove era chiaramente indicato *serie completa*) da 25 Euro che ho in garage, sepolta negli scatoloni. Se gli va bene la descrizione su Adoos, bene, altrimenti non mi facesse perdere tempo!

    Lemmyfan

    RispondiElimina
  18. Ma ti immagini se un giorno si incrociano lui e FBI nel tuo negozio e diventano amici? E così si fondono in un'unica entità che rimane nel tuo negozio per ore a partarti di tecnologie eco-drive inventate da lui e che i finanziamenti arriveranno la settimana prossima.

    RispondiElimina
  19. Adesso c'è il decreto legge che punisce lo stalkeraggio.

    RispondiElimina
  20. E' un pericolo per l'umanità! Sopprimilo!!!

    No, dai, credo sia solo una persona molto sola, regalagli una bambola gonfiabile insieme all'orologio (magari con la tua faccia la gradirebbe di più;))

    RispondiElimina
  21. Uau...pazzesca la quantità di tempo che ha da perdere questo... :/

    RispondiElimina
  22. oggi ho vinto io!! due clienti sono stati nel bar per 5 ore, girovagando e bevendo qualcosa.

    a parte gli scherzi (anche se questa cosa è successa veramente) io mi spaventerei tantissimo se mi succedesse qualcosa del genere!

    RispondiElimina
  23. Io ai clienti così, al bar, non ci faccio neppure più caso: vecchi soli che non sanno come passare il tempo. Oddio, mi rendo conto che una cosa è il bar (giornali, TV, gente che chiacchiera daascoltare...) altro un'orologeria O.o''


    Ah, dimenticavo: uno di questi, nell'Agosto 2007, mi ha minacciata di morte :) Denunciato e processato (Giugno 2008) per un po' non si è fatto vedere, ma ultimamente è ricomparso. Appena apre bocca lo denuncio di nuovo (so che il giudice gli ha imposto di starmi lontano) :)

    RispondiElimina
  24. Non sei cinico o cattivo, è inquietante sul serio! 100 minuti sono veramente troppi, deve avere qualche problema

    RispondiElimina
  25. utente anonimo5 marzo 2009 22:58

    ma che situazione...allora le persone strane non vengono solo da me...mi rincuora leggere perchè mi fa capire che non sono l'unica ad aver a che fare con gente assurda!!!!!fatti coraggio...

    sil

    RispondiElimina