mercoledì 24 giugno 2009

Il Futuro!!!

Per arrotondare il salario, una volta facevo il babysitter. Ora che sto in negozio, vado "dai bambini" (che ora il più piccolo ha 9 anni, lo conosco da quando ne aveva -5mesi!) un paio di sere al mese, non sono più a tempo pieno, ma li vedo sempre volentieri.

Oggi la mamma mi ha portato in negozio l'intelligentissimo V., di nove anni, tutti 9 in pagella e quattro 10, mi ha chiesto se potevo tenerlo qui mezz'oretta, se dovevo lavorare lui stava solo a guardare.

Beh, alla fine è stato qui più di un'ora (maledetta mamma approfittatrice!!!), ha imparato come si smontano e montano le fibbie dei cinturini (gran lavoro manuale!), e soprattutto in un'ora ha imparato com'è la mia vita nel negozio: al circa decimo cliente che veniva per la pila (in meno di un'ora!), V. si presentava già con la ricevuta in mano, e chiedeva lui il nome, e lo scriveva. In pratica, presentandosi con la ricevuta in mano, dimostrava di aver capito che da me il 90% delle persone che entra, lo fa per lasciarmi una pila, quindi risparmiava tempo e teneva già la busta in mano.

Ma non solo: il dodicesimo cliente l'ha servito lui! Io stavo seduto dietro al bancone a guardarlo, il cliente ovviamente mi vedeva che ero lì, LOL.


"Ciao!"

"Sì, salve, devo cambiare la pila!"

"Allora, me lo dovrebbe lasciare per domani mattina"

"Ah... bene"

"Il tuo nome?"

"xxx"


(lo scrive con calligrafia migliore della mia)


Bravoooo! Ha capito tutto! Fortunatamente non gli è capitato nessun cliente rompipalle che gli contestava la pila subito (anche se lui in privato mi ha chiesto perchè non le cambio subito, io gli ho spiegato che non sempre ho tempo, e allora adotto la politica "oa a tutti o a nessuno", lui che ha nove anni ha capito e non ha più fatto domande).


C'è stato pre IL GENIO. Suona, V. corre ad aprirgli la porta mentre io arrivo dal retro del negozio. Nei 4 secondi che impiego ad arrivare nel negozio, sento sta magnifica conversazione:


"Ciao!"

"Ciao! Senti, ho questo orologio subacqueo che quando l'ho immerso..."

"Devi cambiare la pila?"

"No, penso che siano le guarnizioni"

"P.? Aiuto!"


E lì sono intervenuto io... ma mi veniva da ridere perchè il tizio stava parlando con un bambino di 9 anni come se fosse normalissimo che ci fosse solo lui da solo a servire in un negozio! Insomma, la classica "fretta del nord", non ha nemmeno guardato chi c'era dall'altra parte del bancone, lui aveva sto problema da risolvere e non si faceva scrupoli!

Poi beh, quattro chiacchere con il cliente mi han proprio rivelato che era "un genio"... sveglio quanto Alvaro Vitali nei suoi migliori film di Pierino...


In ogni caso: fra 7-8 anni me lo accaparro come commesso, mi sa. Bisogna solo vedere come sa gestire la rabbia (nei confronti dei clienti!) ;)

10 commenti:

  1. utente anonimo24 giugno 2009 09:08

    mi sa che finisici tu a fargli da commesso!^_^

    ciao viga dall'edicola

    RispondiElimina
  2. utente anonimo24 giugno 2009 09:56

    noi commessini saltuari del tuo negozio stiamo che riunirci e ribellarci!

    v. ci ruba il lavoro!


    durpes

    RispondiElimina
  3. utente anonimo24 giugno 2009 09:57

    intendevo dire stiamo PER riunirci


    durpes

    RispondiElimina
  4. Forse se c'era qualcuno che voleva rompere non lo ha fatto perche' si trovava davanti un "tenero" bambino. :)

    Io lo assumerei subito! :-D

    RispondiElimina
  5. utente anonimo24 giugno 2009 13:13

    Mi sa che questo amabile ragazzino fa parte di una schiera di anime molto vecchie che sono scese dopo il 2000...informati sui ragazzi indaco e ne sentirai delle belle!

    RispondiElimina
  6. Ma è fantastico questo bimbo *_*

    RispondiElimina
  7. Forse non hanno il coraggio di rompere le scatole con la pila subito ad un innocente bambino...

    Comunque anche da me succede che la gente parli e parli senza guardare in faccia nessuno, infatti è capitato anche che qualcuno non si sia accorto che dentro in cassa non c'era nessuno, parlava a vuoto, io stavo arrivando alle sue spalle e naturalmente mi sono goduta la scena...

    RispondiElimina
  8. incredibile. Io ho colleghi che a 24 anni fanno i dispetti come i bambini, e colleghe di 55 anni che chiedono in continuazione aiuto per le stesse identiche cose che fanno ogni giorno da 2 anni. Non ce la faccio più. Dammi una cellula di V. che lo voglio clonare. Io lo chiamerò V per VENDETTA.

    RispondiElimina
  9. occhio pero'.... magari qualche cliente deficente ti denunzia per sfruttamento del lavoro minorile :-)

    RispondiElimina