martedì 12 gennaio 2010

Il 2010

Ebbene sì, dopo un ponte lunghissimo di festività varie, in cui io ero aperto ma la gente "giusta" era ancora in vacanza, direi che posso considerare oggi il primo giorno vero di anno lavorativo 2010. In realtà sono stato aperto anche il 2, 5, 7, 8, 9... ma con scarsi risultati, son tutti in giro alla ricerca di saldi. O alla ricerca di chi cambia le pile.

Qualche collega in zona con l'anno nuovo ha purtroppo chiuso - io invece non mi lamento, come dicevo nel post precedente, ho addirittura un sostanzioso segno + davanti agli incassi del 2009 rispetto a quelli 2008, un vero miracolo.

Ecco, però qualche collega ha chiuso, e verrà ancora più gente per le pile. L'ho notato sabato: solo nella mattina, ho preso 21 pile, nel pomeriggio ho perso il conto, anche se in realtà è venuta pochissima gente. E dire che sabato, fino a un paio d'anni fa, era il giorno in cui prendevo meno pile (tipo 10!), sia perchè c'era in giro gente a comprare e non per i servizi, sia perchè alcuni scappavano inorriditi al pensiero di dovermi lasciare le pile per ben 3 giorni (da sabato a martedì, essendo chiuso nei due giorni in mezzo). Ma ormai niente riesce a dissuadere il popolo delle pile. E allora facciamole, ok, ma per il giorno dopo. E non avete idea di che lavoraccio ci sia dietro, al farle. Ma d'accordo, tiriamo avanti in attesa di qualcuno che sia un compratore.



Desideri del nuovo anno:



- Usare meno il blog (nel senso che sarebbe mio desiderio avere meno clienti cerebrolesi che mi fanno sclerare, questo blog è uno sfogo, mica un passatempo per farm due risate...)



- Essere più tollerante (verso gli anziani, verso i clienti dal 50esimo quotidiano in poi, verso le pile subito, verso chi fa finta di essere ottimo cliente amicone di tutti e mi chiede di mio padre, perchè ormai mio padre è morto 4 anni fa e mi sa che non sei sto gran cliente e amico, se non te ne sei accorto)



Sono due desideri semplici.

Temo saranno disattesi.

Benvenuto, 2010... da sti primi giorni di lavoro puzzi un po' di 2009, ma va bene così. Che tanto poi il 2012 è vicino ;)

 

6 commenti:

  1. credo che anche nel 2012,in piena apocalisse ,qualche vecchietto ti domanderà:mi cambia la pila?
    Umarells resistence!Ualà!

    RispondiElimina
  2. utente anonimo12 gennaio 2010 14:32

    per viga: ma certo che gli domanderanno di cambiare la pila!!! altrimenti come fanno ad arrivare puntuali alla fine del mondo?

    durpes

    RispondiElimina
  3. Buon 2010 allora!
    A proposito, mi si è appena scaricata la pila... ma lo giuro, i 70 anni non li sfioro nemmeno!!!

    RispondiElimina
  4. utente anonimo14 gennaio 2010 10:31

    il mio 2010 lavorativo non solo puzza di 2009, ma E' IDENTICO al 2009.
    durpes

    RispondiElimina
  5. utente anonimo14 gennaio 2010 23:41

    Non so che cosa intendi per il 2012. Vai in pensione? Per il resto meglio sarebbe se la gente acquistasse di più orologi con movimento automatico o ricaricabili ( si dice così?) Per il resto lo hai detto, non ti è andata poi così male. Se poi aspetti il 23.12.2012 sappi che è solo il giorno prima della vigilia di Natale. Te lo dice una che ha una grande fiducia. By By !

    RispondiElimina
  6. il fatto è che io non vedo l'ora, che finisca il mondo... non ne sono per nulla turbato. se dobbiamo andarcene via, è una figata andarsene col botto.

    ps: comunque è chiaro che son tutte minchiate. 

    RispondiElimina