giovedì 20 settembre 2012

Equilibrista

Son quelle cose che ti fan dire... BOH.

Signore, molto distinto, con a seguito ragazza di una decina di anni più giovane, molto elegante. Direi collega più che moglie, ma non conta ai fini della storia. Solo, sono molto molto eleganti. Ha al polso un orologio sportivo di ottima marca, è un modello che conosco bene e costa sugli 800 euro.
Però non è qui per quello.

Tira fuori un orologio a carica manuale, cassa acciaio dorato, deve cambiare il cinturino.
Seleziona fra l'ampia scelta a disposizione da me, consulta la donna, sceglie, glielo monto, tutto bellissimo e perfetto.

Gli porgo l'orologio, per fargli provare al polso come sente il cinturino montato. Lui toglie dal polso il suo orologio costoso, e SE LO METTE IN TESTA. Lo fa così, nessuno dice niente, nemmeno la donna, nè lui commenta. Lo appoggia sulla testa, anzichè sui dieci metri quadrati di bancone che ha davanti a sè.

Prova l'orologio col cinturino nuovo, gli piace, me lo paga, gli dò scontrino e resto, e l'altro orologio rimane IN TESTA.

Mette i soldi nel portafoglio, si gira per uscire e finalmente l'inevitabile: CRASH! L'orologio che aveva in testa gli cade per terra, probabilmente si era dimenticato di averlo in testa, o alla scuola del circo gli han detto che devi crederci e fare qualche passo, quando stai facendo prove di equilibrismo.

Io faccio una battuta ("Almeno è quello sportivo, è più robusto!"), lui lo raccoglie, lo porta all'orecchio per sentire se funziona ancora, constata che funziona, saluta senza problemi ed esce. La donna non gli dice niente a riguardo, saluta ed esce.

Così, come se fosse la cosa più normale del mondo. BOH.
(e comunque, per quanto l'orologio fosse sportivo, una caduta su pavimento da circa 1,75 metri, non gli ha certo fatto bene...)

15 commenti:

  1. ImpiegataSclerata20 settembre 2012 11:37

    Ehmmmm.... Senza parole.....

    RispondiElimina
  2. ... ma... perché in testa? O_o'
    (Tra l'altro nell'ultimo mese mi è venuta voglia di comprarmi un orologio. Tipo il primo della mia vita, tolto quello del tabacchino da 9 euri che ho spiaccicato in mezza giornata. Solo che leggendo questo blog mi fa temere di tramutarmi in una cliente rompiscatole piena di domande idiote T_T ... cioè, almeno so che non lo riempirò mai d'olio, ma... xD)

    RispondiElimina
  3. a volte quando si han entrambe le mani occupate e nessun supporto su cui appoggiare le cose, le si mette in bocca...non in testa.
    e poi aveva anche tutto il bancone a sua disposizione!

    sono affascinata

    s.

    RispondiElimina
  4. La prima volta che hai scritto testa, ho pensato voleva scrivre tasca, ma poi quando mi sono resto conto che volevi proprio dire testa, sono rimasto per 10 minuti perplesso e ti ho immaginato con la faccia di blade runner metre mi dici: ho visto cose che voi umani potete solo immaginare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'espressione di Crozza quando lo faceva in Hollywood Party e aveva una colomba pasquale su una spalla?

      Elimina
  5. Droga. Sicuro. Forse MDMA o altri acidi.

    P.S. ieri altri due bei freaks da me, la prima voleva i gioielli ZUPPETTA (voleva dire Zoppini), il secondo gli "orologi della polizia" e mi spiattella una pagina sgualcita con un orologio Police...

    Morale: dite no alla droga, dite sì alla vita! LOL

    RispondiElimina
  6. ImpiegataSclerata21 settembre 2012 12:49

    Ok qualcosa da dire l'ho trovata: se la donna che accompagnava questo "bizzarro" individuo... Per non scomporsi minimamente alla scena assurda e surreale che è avvenuta in negozio... A cosa aveva GIA' assistito in precedenza?

    RispondiElimina
  7. Sono basita!! XD
    E, se ha ragione ImpiegataSclerata nel commento qua sopra (e sono certa che ce l'ha), bisognerebbe convincere l'accompagnatrice del tipo ad aprire un blog "dedicato"... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho anche il titolo: accantoalfunambolo.blogqualcosa.com'

      Elimina
    2. ImpiegataSclerata26 settembre 2012 14:09

      Oppure: HoEreditatoUnEquilibristaNonSiamoDavveroParenti.ecc.com
      o...
      NellaMiaVitaPrecedenteEroAttilaEoraLaStòScontando.ecc.com?

      Elimina
  8. Ciao, due sole considerazioni, a parte che è vero il detto "da vicino nessuno è normale" e che purtroppo i clienti chiedono e fanno le cose più impensate, noto che nei tuoi bellisimi "racconti di vita" ci sia però un po' troppo astio, forse ti prendi troppo sul serio e nel privato è inevitabile che salti fuori qualche argomento lavorativo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà la sagra dell'ovvio, ma così, pour parler, non credi che DOVENDO essere educati sempre anche quando chi hai davanti non lo merita minimamente, se ti fai un blog per sfogarti, nel suddetto blog ti ci sfoghi per bene? No, sai così, semplice considerazione, eh?
      Io, in questo blog e in quello di molti altri ci vedo questo e il minimo che si possa fare è dare sostegno, simpatia e incoraggiamento.

      Elimina
    2. Due considerazioni mie sul tuo commento:

      1 - che ci sia astio, non lo nascondo. come recitava il sottotitolo del vecchio blog su splinder, "odio gli stupidi, aiuto i deboli, e dagli invasori non vi difenderò". Non ci posso fare niente, ODIO la stupidità. E per un falso sillogismo, potrei dire che allora odio stare a contatto con la gggente. ma come spiegato anche su questo blog, "un lavoro è un lavoro", soprattutto di questi tempi, e il lavoro in realtà va bene. non me lo sono scelto io questo lavoro, tutto qui. mai avrei pensato di finire a contatto con la gente, e di assistere a scene di questo tipo. quotidiane.

      2 - sul fatto di prendermi sul serio... bah! ma da dove tiri fuori queste deduzioni psicologiche? io sono il più grande cazzone mai esistito (come forse si intuiva anche dalla citazione da daitarn 3 appena utilizzata). non mi prendo sul serio. è solo che odio la stupidità, mi fa tristezza, soprattutto se la stupidità serve a rompere le scatole a me.

      Elimina
  9. Guarda io sono a contatto con le persone ad uno sportello dal 1996, il mio sogno ricorrente è quello di uscire a randellarli con una mazza ferrata (chiodata). Non disdegno di parlare di lavoro, se capita, nell'ambito privato. Ho appurato come te che buona parte delle persone quando entrano in un negozio o in un ufficio come utenti/clienti sono colpiti da una sorta di demenza improvvisa che non sempre passa quando vanno via, a volte ci fanno ma spesso ci sono.

    RispondiElimina
  10. Passato un mese senza casi umani, allora ne aggiungo io uno:

    -"Buongiorno!"
    -"Buongiorno"
    -"Senta, vorrei un'informazione"
    -"Mi dica"
    -"Ho ricevuto in regalo un orologio, lo posso cambiare?"
    -"Certo, ha lo scontrino?"
    -"Veramente NON è stato acquistato da voi. Lo posso cambiare lo stesso?"
    -"eh guardi...(risata ironica)...purtroppo no"
    -"ah ok grazie"
    -"prego..."


    Collega, sforzati e torna a postare! We need freaks!

    RispondiElimina