martedì 1 dicembre 2015

Mordersi la lingua

Cari lettori, dovete sapere che ci sono tante storie succose che non posso raccontare - principalmente perchè i protagonisti sono tizi che, a mio sommario giudizio, dopo avermi fatto perdere tempo passano poi il resto della giornata online su forum e siti di orologeria, e sarebbe spiacevole se si trovassero raccontati in maniera impietosa. Magari a distanza di anni mi ricordo di una storia e la scrivo, ma spesso devo mordermi le dita per non parlare di certe cose.

Ma quando un cliente mi chiede se mi sento felice quando vedo che tutte le lancette degli orologi con radiocontrollo sono tutte sincronizzate, diventa quasi impossibile non condividere un frammento di quell'esperienza. E sapeste cosa mi ha detto prima e dopo... dannazione. Dovrei telefonarvi uno ad uno (tanto cosa siete, 21 lettori?) per raccontarvi certe cose.

Elucubrate solo sulla mia felicità nel vedere le lancette allineate, per ora, e siate lieti quanto me!

21 commenti:

  1. Guarda, capisco cosa intendesse dire quel tipo; sono quelle persone che cercano la perfezione fine a sé stessa, e si sentono estremamente soddisfatti e gratificati quando la trovano. Spero che queste foto ti possano aiutare a capire cosa significa:

    http://www.boredpanda.com/perfection/
    http://www.boredpanda.com/order-symmetry-perfection/

    Ora confrontale con queste:

    http://www.boredpanda.com/irritating-annoying-ocd-imperfection/

    sul serio... non senti nemmeno un briciolo di FASTIDIO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultimo link mi ha fatto molto molto ridere, più che irritare! Mi piace la perfezione e la simmetria, ma l'imperfezione comica la gradisco, soprattutto se ne scaturisce una foto divertente!

      Elimina
  2. guarda...penso siano piu di 21 lettori, io ti segup da un anno non ho mai scritto. anche io appasdionato di orologi e frequentatore di forum. sai sbagli a non scrivere le tue storie, sono fantastiche e la cosa migliore sono i tuoi giudizi. non ha senso altrimenti tutto questo!!

    RispondiElimina
  3. e poi scusami perché non raccontarle? Se ometti nomi e riferimenti precisi rimani nell'anonimato e nessuno può accusarti di chissà cosa. O sbaglio?

    RispondiElimina
  4. Non siamo 21, protesto e contesto. Ma suggerisco metodo alternativo. Esiste una app per smartphone che si chiama kik, una sorta di whatsapp, ma senza numero di telefono, solo nickname. Tu ti iscrivi, ci dai il tuo nick e ci concedi di entrare nel gruppo e poi.... ci racconti tutto!

    RispondiElimina
  5. Io sono il ventiduesimo!
    Argh purtroppo capisco cosa intendi, il blog potrebbe diventare uno sfogo da una parte ma una possibile fonte di rotture se ti riconoscessero dall'altra.
    Ma siamo affamati di freaks, magari cammuffa le storie scrivendo "patate" invece di "orologi" e "rincoglioniti" al posto di "clienti".
    Magari metti anche gli occhiali coi baffi mentre scrivi!

    RispondiElimina
  6. Magari se leggono ciò che dicono si fanno un esame di coscienza !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No guarda... i casi clinici di cui racconto dubito possano farsi esami di coscienza. E vista dal punto loro, non penso faccia piacere ritrovarsi in una storia e sentirsi dare del coglione.

      Elimina
  7. Siamo ovviamente 42, te compreso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto, potrei anche dire con i Misfits "we are 148". Però sì, se fossimo veramente 42 avrei in mano tutte le risposte dell'universo.

      Elimina
  8. E' questo il tuo problema caro P., tu ti mordi sin troppo la lingua.
    Ciò ti porta a non rispondere con il dovuto tono ai tuoi generosi clienti.
    Generosi di spasso infinito, s'intende.
    Ora, guardiamo senza preconcetti alla domanda: una semplice domanda, forse ingenua, che però denota una grande entusiasmo. Puoi tu non rispondere?
    Eh no, povero cliente, BISOGNA rispondere.

    - Felice? Lei non ha idea...io se non le vedo tutte bene allineate quelle lancette, mi creda...sto male.
    - Eh immagino...
    - Pensi che l'altro pomeriggio, un cretino...non lei dico...
    - Mi ha dato del cretino?
    - No dico, non lei...un altro, ieri pomeriggio....
    - Un altro cosa?
    - Un cliente! Be' ma mi lasci parlare...
    - Uhmm...
    - Dicevo, un cretino, MA NON LEI PERO'...
    - Guardi che io le spacco la faccia!
    - Senta lei NON HA CAPITO!
    - HO CAPITO BENISSIMO!
    - MA SE NON MI FA PARLARE! IO DICEVO UN CRETINO, MA DIVERSO DA LEI, UN CRETINO COMPLETAMENTE DIFFERENTE!
    - NON TORNERÒ MAI PIU' IN QUESTO NEGOZIO!
    SBAM!
    - Ma lei si rende conto?
    - Eh certo...ce n'è di gente stramba...
    - Lei ha capito quello che volevo dire?
    - Eh! Era chiarissimo, guardi lei non c'ha colpa. Lei lo ha detto chiaro e limpido: ieri pomeriggio un cretino che però non sei tu, MA UN ALTRO...
    - AH ECCO PORCAMIGNOTTA! SO ANCORA PARLAR L'ITALIANO...
    - Ma sì sì non si arrabbi che non ne vale la pena...l'italiano è una lingua ancora sconosciuta in certi strati della società, io faccio il fruttivendolo e non le dico io cosa mi tocca di sentire...
    - Immagino...che poi a ben pensar...HO CAPITO ORA PERCHÈ SI E' ARRABBIATO E SE NE È ANDATO!
    - Perchè?
    - Ma certo, che stupido! Non era un altro di cretino quello di ieri pomeriggio, ERA PROPRIO LUI! Eh, mi sembrava fosse un viso noto...
    - Ah...allora c'aveva ragione povero disgraziato...
    - Eh già...ma porc...sapessi l'indirizzo gli manderei un biglietto di scuse...PERÒ ANCHE TU, TI ACCORGI CHE STO PARLANDO DI TE, DIMMELO O BAMBO CHE SEI IL CRETINO DI IERI POMERIGGIO E NON UN ALTRO!
    - Vado a vedere se è ancora in strada?
    - Vada vada per cortesia, faccia una corsa...

    RispondiElimina
  9. Caro P.
    Possibile che con le nuove banconote da 20 in giro da almeno una settimana non ci sia nulla di gvstoso da raccontare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire: NO. Me ne hanno date un paio senza fare storie, e anzi ho fatto psicologia inversa prendendo esempio dal cambio delle 10 euro - ho fatto i complimenti a chi me le dava, mostrandomi divertito perchè erano le prime che ricevevo! Ma no, niente sconti ;)

      Elimina
  10. Protesto. Non siamo in 21 :)
    Andrea

    RispondiElimina
  11. La cosa dei 21 lettori, comunque: mi sono dimostrato un ignorante abissale, avevo in mente 21 e invece la cifra giusta sarebbe stata 25. Volevo citare Manzoni e i suoi 25 lettori, e invece ho fatto una figura di merda come Piero Manzoni.

    RispondiElimina
  12. Con buona pace di Manzoni penso che siamo ben più di 25! Anche io leggo da un secolo senza commentare e colgo l'occasione per ringraziarti per tutti i sorrisi e le risate che mi hai regalato :-)

    RispondiElimina
  13. Eh si, mi unisco anchio al coro, non siamo"solo" 25, devi considerare il gruppo degli osservatori silenziosi, ovvero i lettori che leggono ma non commnetano mai.
    Io sono una di questi e approfitto per farti i complimenti.

    RispondiElimina