lunedì 21 dicembre 2015

Spirito Natalizio

Domenica 20 Dicembre, apertura straordinaria per vendite natalizie. Ma ovviamente, la gente vede aperto e pensa che io stia qui ad aspettare il privilegio di cambiare le loro pile.

Entrano madre (70 anni) e figlia (45). La figlia tira fuori un orologio da pochi euro, tutto consumato, mi chiede se posso cambiare la pila.
"Sì nessun problema, viene pronto domani mattina."

La madre annuisce e fa cenno di lasciare, la figlia non è della stessa opinione... inizia a URLARE.

"MA NON SE NE PARLA NEMMENO!"
"Ah ok, se non può lasciarlo nessun problema allora"
"SE LO DO' A MIO NIPOTE LO FA SUBITO!"
"Nessun problema allora, se c'è il nipote"
"PAZZESCO!"
"Pazienza dai, arrivederci allora"

Penso le stia per venire un infarto da quanto è nervosa mentre va via... la madre è imbarazzata oltre ogni livello.

Buon Natale, testa di cazzo.

A memoria, nessuno ha mai urlato così forte in negozio per una questione di pile. Ricordo il cretino che si alterò arrivando a darmi dello "stronzo di merda" (se vi siete persi quella storia, cliccate sul link), ma urlare così no.

Boh, Auguri a tutti, eh.

12 commenti:

  1. Dai su su a natale siamo tutti più buoni...
    Forse aveva problemi di udito e non riusciva a calibrare il tono della voce...
    E magari aveva capito che veniva pronto tra un mese...
    o forse più semplicemente era la più classica delle teste di cazzo!
    Non mi riesce di essere più buono nemmeno a natale...

    RispondiElimina
  2. Il Natale porta a tutti ansia e angoscia. Stanchezza mortale

    RispondiElimina
  3. - Mi raccomando, non un fiato, che è in equilibrio precario…
    - Non capisco perché non ha usato il nastro adesivo…
    - Sì, bello schifo, questa è un’anfora fine ottocento, in cristallo e argento, e io ci metto lo scotch…se avessi avuto qualche dubbio che lei fosse mio cliente, con questo suggerimento cretino me lo sono tolto del tutto.
    - Cosa significa scusi? Io sono stato cartolaio sa! Con lo scotch, una lavoro fatto bene s’intende, da sotto, non si vede che il beccuccio è rotto…
    - Si vede si vede, lo vuol dire a me…lasci stare va e pensi ai casi suoi…anzi ai Casiii…
    - Lei è un maleducato! Comunque, tornando al Casio, cosa dice val la pena aggiustarlo?
    - E abbassi quella voce! Qui basta una minima vibrazione e crolla tutta l’impalcatura che ho costruito attorno al beccuccio, che se cade va in mille pezzi e allora buonanotte alla brocca fine ottocent…
    Dlìn
    - Buongiorno.
    - Buongiorno, non dica niente! Ho già capito. La pila.
    - Esatto…
    - Nessun problema, viene pronto domani, eh…la signora fa di sì con la testa, è già mia cliente vero? La faccia ce l’ha…
    - Bravo, si ricorda, ho portato l’anno scorso un orologio bagnato d’oro del mio povero marito…
    - Povero, povero senz'altro (vedi un po' che razza di ippopotamo s'è sposato...meno male che è morto...)
    - Scusa mamma, ma non può farmelo subito?
    - No mi spiace, il cambio pila è sempre per il giorno dop...
    - MA NON SE NE PARLA NEMMENO!
    STACATRANKETE!
    - Ma porca di quella mignotta! L’anfora Art Nuveau!
    - Beccuccio andato, bella fregatura…
    - Lei stia zitto o il Casio da riparare glielo restituisco tra sei anni...
    - COME DICE?
    - Come dice lei signora, può ripetere?
    - HO DETTO CHE NON SE NE PARLA NEMMENO!
    - Bene, quindi lo lascia (maledetta befana, te e quest’altra carampana mezza rimbambita, l’anfora fine ottocento…).
    - NON MI HA CAPITO, HO DETTO CHE NON SE NE PARLA NEMMENO!
    - Scusi signora, deve alzare un po’ la voce (porc…un’anfora così bella…) perché sono reduce da una fastidiosa otite…allora le faccio il biglietto e ripassa domani…
    - PER UN CAMBIO PILE ASPETTARE FINO A DOMANI! MA E’ MATTO, SE LO PORTO A MIO NIPOTE….
    - Eh i nipoti, ci piace viziarli! Anche io con la mia, qualche regaluccio, il suo quanti anni ha? Mi dia l’orologio che compilo il tagliando..
    - IO NON GLIELO LASCIO LE HO DETTO, MA SIAMO MATTI! SE MIO NIPOTE…
    - L’importante è che non si droghino. Speriamo che il suo non abbia preso dalla zia...eh eh eh…
    - MA COME SI PERMETTE, MIA FIGLIA NON SI DROGA!
    - Cara cara vecchina, cosa ha detto?
    - HA DETTO CHE IO NON MI DROGO E NON MI SONO MAI DROGATA!
    - Ah no? Come dice lei senz’altro. E’ che l’ha vedo dimenarsi, perché se non urla un po’ più forte non la sento, ma vederla la vedo, ed è da quando è entrata che mi chiedo: ma questa, cosa si cala?
    - COME OSA! IO NON MI CALO PROPRIO…
    - E cosa dice cosa dice la nostra cara vecchina?
    - LA SMETTA DI CHIAMARLA VECCHINA!
    - Anche noi avevamo uno zio, poverino, sembrava tanto a posto, poi quando è morto abbiamo scoperto che si faceva certi pistoni di bianca!
    - IO NON MI FACCIO NESSUN PISTONE!
    - Signora! Io non l’ho insultata! Signora, dica a sua figlia di non trascendere, va bene che è strafatta, ma “pistola” a me non lo dice!
    - Ma…Antonella…come ti permetti a dare del pistola al signore!
    - IO NON GLI HO DATOOOO…ODDìO…MI SENTO MALE…
    - ANTONELLA!
    - Oddìo svengo…
    - ANTONELLA! FACCIA QUALCOSA! NON RESPIRA!
    - Ma sì che respira, dunque il numero dell’ambulanza dov’è….

    ...

    RispondiElimina

  4. -Ma come è successo?
    - Guardi dottore, dottore?
    - Albeti...
    - Dottor Analfabeti...
    - ALBETI!
    - Ho capito ho capito, dottor Analfabeti...
    - Vabbuò...
    - ...non ho idea. La signora stava lasciando un orologio, però la vedevo che si agitava come se fosse sotto droghe…sebbene la signora dica che sua figlia…
    - Ma ora…non sono più tanto sicura…
    - Appunto. Comunque è crollata…per favore, portatela via che sotto Natale…porta pure un po’ sfiga…io c’ho i clienti tutti in ghingheri, anche il signore qui...
    - Devo far riparare il Casio, ma non so niente...
    - Ecco...sì, perchè io (avrà notato) ho la clientela un po' anziana...
    - Va be’, dov’è Barozzi…eeeh Barozzi! Guarda che qua abbiamo un probabile caso di abuso di droghe…aiutami a portarla in ambulanza dai…
    - UN MOMENTO SIGNORA!
    - Siiii?
    - Cento Euro…
    - Per cosa…
    - L’orologio di sua figlia. Qua c’è da lavorarci su parecchio…
    - Barozzi, occhio alla testa, occhio...che se sbatte poi ci tocca pure trattare la commozione cerebrale...
    - Tranquillo Albeti...però che coglioni...sempre noi a Natale...
    - Ah giusto. Scusi…ecco i cento Euro.
    - Grazie bella signora (ippopotamo della malora). Arrivederci e auguri (e l’anfora la facciamo riparare da uno in gamba…alla faccia e a spese della babbiona e di quell’emerita scassacazzi della figlia…). Buon Natale eh!

    Alberto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe far ridere?

      Elimina
    2. Don't feed the troll.

      Elimina
  5. I commenti di Alberto O sono pesanti quasi come certi clienti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo. Mi piaceva leggere questo blog, commenti inclusi, prima che arrivasse questa specie di troll.

      Elimina
    2. Perfettamente d'accordo con voi: anche a me piacevano molto i commenti. God bless the scroll wheel!

      Elimina
    3. Mi unisco alla protesta: il primo poteva anche essere accettabile, ma adesso ha un po' rotto.

      Elimina
    4. C'è chi ha un sacco di tempo libero da sprecare sembra...

      Elimina
  6. Urlare per una misera piletta da 3 euro di un orologio economico.

    Quando verrà a cambiare la pila dell'Eberhard che la madre (fessa) gli comprerà, cosa porterà in negozio per urlare meglio? un coro di cornacchie?

    RispondiElimina