sabato 21 giugno 2008

Fai-Da-Te Suunto

Partiamo dal presupposto che io sono a favore, anzi incoraggio, il fai-da-te per il cambio pila, perchè in 8 casi su 10 porta a risultati esilaranti, tipo rotture di vetri, casse, anse, circuiti interni dell'orologio, quindi per me sono risate e soldi incassati per la riparazione, e a volte anche la soddisfazione di metter lì un sorriso del tipo "te l'avevo detto, se me l'avessi lasciato per il giorno dopo, sarebbe costato 5 euro e via, ma per te era tutto facile, e adesso guardati qui cosa hai fatto!". Se il fai da te va a buon fine, per me sono 5 euro di guadagno in meno, ma un cliente in meno che mi fa menate per la pila subito, il conteggio è in pari, fidatevi.


Ci sono anche ditte che incitano al fai da te, ad esempio l'ottima Suunto finlandese, fra le caratteristiche di ogni orologio, indica (lo prendo dal sito ufficiale)


- Batteria sostituibile dall'utente


E in effetti, sul retro il vano-batteria ha una chiusura come uno Swatch, si svita facilmente. Però è tutto di plastica, quindi devi stare accorto nell'inserire la monetina per far leva e girare. Poi bisogna avere a portata di mano la pila giusta, che è un po' particolare, e insomma molto spesso comunque l'utente viene a farmela cambiare qui, anzichè arrischiarsi lui, e io ai Suunto, come agli Swatch, la pila la cambio subito. Ma se lui è convinto di riuscirci da solo, benvenga! Ecco come si presenta una chiusura nuova della Suunto.





Ok, ecco il genio di turno che oggi viene con un orologio (neanche comprato da me, tra l'altro) in queste condizioni:





SPANATO è dir poco. Non c'è spazio per far leva per aprire il vano batteria, il genio ha insistito nel voler forzare e ha rovinato tutto. Glielo faccio notare, che è uno dei Suunto messi peggio che io abbia mai visto, che farò il possibile per aprirlo ma non garantisco nulla, che avrebbe dovuto fermarsi prima, quando vedeva che la cassa non gli si apriva. Insomma gli tendo una mano, gli dico che la situazione è grave ma io la posso recuperare. E lui anzichè ringraziare che fa? Si incazza perchè il lavoro non glielo faccio subito.


Gli spiego che innanzi tutto proverò ad aprire la cassa sfruttando il poco di plastica che ha lasciato intatta, ma vengo interrotto dal genio che mi fa notare che "probabilmente basta fare due buchini con un trapanino e poi far leva con quelli". Lo guardo con una faccia del tipo "cazzo dici?", ma dalla mia bocca esce solo la frase "E le sembra una cosa semplice?", secondo lui sì, è solo che lui non ha "il trapanino" sennò l'avrebbe fatto lui.


Gli dico che probabilmente alla fine andrà così, farò i buchi, ma è un processo di precisione e lungo, non lo posso fare col negozio aperto e la gente che entra. Lui si inquieta, tra l'altro tira anche fuori dalla tasca l'asso nella manica, un copribatteria di ricambio che si è fatto mandare dalla Suunto, e dice che lui il pezzo di ricambio ce l'ha già, io devo solo aprire l'orologio. Questo implica anche, sicuramente, che lui non vorrebbe pagare niente, visto che il pezzo di ricambio ce l'ha. E' come andare dal meccanico con una marmitta nuova nel baule e dirgli "Uè ciccio, smontami la marmitta, io quella nuova ce l'ho già, tanto ci metti niente, ti offro un caffè casomai".


Io dopo quattro minuti di ste menate inizio a trattarlo male sul serio, lui si incaponisce, alla fine cede e mi lascia l'orologio, perchè tanto non aveva scelta. Se avesse evitato di fare tutte ste parole e avesse ceduto subito, saremmo stati tutti più felici. Ma ammettere i propri errori con serenità + una cosa dura, per i cretini.


E tanto il lavoro me lo paga 5 euro: 0,01 euro per il lavoro, 4,99 euro per il supplemento rottura di palle. E sto pure facendo sconti.


LA MORALE DI QUESTA STORIA E': quando hai fatto una cazzata e sei con l'acqua alla gola, cerca di non fare lo stronzo, perchè il negoziante è il tuo ultimo amico, e non è saggio farlo incazzare.

17 commenti:

  1. utente anonimo21 giugno 2008 15:57

    ELLAMADONNA!

    Con cosa l'ha forzato? Con un chiodo da roccia!?

    Io gli avrei fatto avere un trapanino solo per farglielo sforacchiare da parte a parte, che con un pirla del genere solo così poteva finire...anche vero che il furbone sarebbe riuscito a demolire pure il trapanino :D

    RispondiElimina
  2. utente anonimo21 giugno 2008 16:13

    Prevedo anni di successivo e costante sclero.Vacanza subito!

    RispondiElimina
  3. Io l'avrei mandato via a calci! Ciao

    RispondiElimina
  4. ma anche solo usare un cacciavite al posto di una moneta?

    ah, sti finlandesi...

    RispondiElimina
  5. anonimo #4, ad essere onesti no, un cacciavite proprio va male (anche se io me lo vedo che il tizio ha usato un cacciavitone a taglia grossa): serve un qualcosa di molto più largo, meno "violento" di un cavviavite,e più spesso della punta di un cacciavite.

    io, in negozio, per aprire i suunto uso una moneta da 2 euro, anche se posseggo l'aggeggio ufficiale e originale della suunto per aprire gli orologi.


    incredibile ma vero :)

    RispondiElimina
  6. un cretino di prima categoria....ma che ha usato uno scalpello da muratore????? O_O la trapanata dovevi dargliela al cervello -_-

    RispondiElimina
  7. sono appena tornato da fare serata e sono ubriaco... probabilmenyte la stessa situazione in cui si è trpvato il ttipo quando ha deciso di sfondare la cassa dell'orologio!

    RispondiElimina
  8. Io gli avrei suggerito qualcosa del genere "Caro signore, visto che ha fretta perchè non incolla alla cassa un giravite con la resina epossidica e prova a girare ?", immaginando il tipo avrebbe accettato di buon grado il suggerimento e io sarei stato lì ore a ridere al pensiero di lui a casa con incollate dita, giravite, orologio, scrivania, tubetto di resina bicomponente, ecc. :°D

    RispondiElimina
  9. secondo me questo tipo dovrebbe avere tra o 35-43 anni,no?

    mi sembra il classico pirlone non anziano

    RispondiElimina
  10. certo viga, aveva sui 40 direi, infatti come avrai notato nei tag non c'è "vecchi". sono molto accurato nelle descrizioni ;)

    RispondiElimina
  11. Odio la categoria dei SOTUTTOIO!!!

    Fastidiosissimi...


    La cassiera

    RispondiElimina
  12. Solo cinque eurini?

    E' poco! :-)

    RispondiElimina
  13. Potevi consigliargli di acquistare il nuovo modello di Suunto con neurofrequenzimetro incorporato, per accertare segni di attivita' cerebrale negli sfondamaroni come lui... e comunque il ferramenta che vende i trapanini e' due negozi piu' giu'...

    RispondiElimina
  14. "LA MORALE DI QUESTA STORIA E': quando hai fatto una cazzata e sei con l'acqua alla gola, cerca di non fare lo stronzo, perchè il negoziante è il tuo ultimo amico, e non è saggio farlo incazzare."


    Mi piace sta filosofia, bravo... ;)

    RispondiElimina
  15. 5 €?? Inammissibile, solo per la rottura gliene avrei chiesti 30.

    Nella peggiore delle ipotesi usciva e andava a stracciare i maroni a qualcun altro! XD

    QB33

    RispondiElimina
  16. utente anonimo7 aprile 2009 08:38

    Concordo in pieno...

    a me però è successa la stessa cosa (sono un cliente) quando ho lasciato il mio suunto a cambiare la pila! questa è stata si cambiata, ma rovinato il pezzo (ovviamente non così tanto). Che dire.. sono rimasto basito e non si è neppure scusato. un cliente perso ovviamente...


    pietro

    RispondiElimina
  17. pietro, mi succede spesso in effetti che alcune persone vengano con il loro suunto spanato dicendomi che in un altro negozio glielo hanno ridotto così, senza nemmeno riuscire a cambiare la pila.

    io rimango sempre senza parole, e mi chiedo perchè, però, a me stracciano i maroni per una righetta inventata (segni sugli orologi non ne lasciamo mai), mentre invece negli altri negozi va tutto bene, gli danno l'orologio spanato, senza pila cambiata, e loro accettano senza troppe storie.


    tu a quel negoziante cosa hai detto? io al cliente la pila la cambio, però spesso li incito a tornare nel negozio e lamentarsi del disservizio... alla fin fine hanno rovinato un orologio, fa niente che poi la cosa si possa risolvere con pochi euro cambiando il fondello.

    RispondiElimina