martedì 3 marzo 2009

Old Men on LSD

Sabato, entrano quattro anziani, diciamo intorno ai 70-75 anni, sono due coppie marito/moglie. Sono un uomo alto e grosso con moglie minuta, e un uomo molto più basso e minuto con moglie dai capelli rosso fuoco. Parlano con proprietà di linguaggio e sono nel pieno delle facoltà mentali.


Il primo mi sembra di riconoscerlo, ma vedo una trentina di anziani al giorno e non è che mi posso ricordare le facce di tutti, ma le sue parole mi confermano che è già stato dalle mie parti, visto che con il classico autismo dei clienti in stile "esisto solo io al mondo, ti ricordi di me anche se son venuto una volta sola tre mesi fa" mi dice:


"Salve, siamo venuti per quell'orologio Citizen!"

"Ah! Benissimo" (chissà di quale orologio parla... la vetrinetta ne espone 60!)

"Il mio amico qui se lo deve comprare!"

"Benissimo, quale aveva visto, che al momento non mi ricordo il modello preciso?"

"Mah, uno di questi Eco-Drive... guarda qui Giuseppe, quale ti piace?"

"Mmm, adesso guardo, ce ne sono di belli in effetti."

"Dai non farci perdere tempo eh! Che oggi ti devi comprare un bell'orologio!"

"Dai sì Giuseppe, trovane uno bello e compralo"

"Sì, ora guardo, guardo... [...] Ecco, sì, allora mi piace questo"

"CHE BELLO!"

"e poi anche questi due"

"BELLISSIMI!"


Glieli tiro fuori, lui li prova ma sembra essere dubbioso - e in maniera assurda, i suoi amici iniziano a trattarlo come se avesse cinque anni.


"Giuseppe dai, sono tutti e due stupendi, scegli fra uno di questi due"

"Sì, sono un po' indeciso, non sono sicuro"

(voce petulante da ragazzina di 12 anni) "Ma coooome cicci, sono stupendi!"

Senti, sono bellissimi, facciamo così, io ti dò il mio orologio che so che ti piace molto, e tu compri uno dei due e me lo regali!"(si toglie l'orologio Citizen che ha al polso!)


Io sono 3-4 minuti che sto zitto, non ho parole, ma essendo io il venditore, cerco di buttar lì qualche frase, qualche spiegazione...


"Ecco, questo qui nero ha il pregio di vedersi molto bene, con tutti i numeri bianchi belli chiari, si vede anche al buio"

"Sì vede anche al buio, che bello!"

"Cazzo Giuseppe, mi pare ottimo!"

"..."



"Quello bianco è un po' più classico, con solo gli indici, niente numeri..."

"E' elegantissimo!"

"..."

"Giuseppe dai non facciamo perdere tempo al signore, io inizio ad uscire, tu deciditi!"

"Sì, è che proprio non sono sicuro..."

"Daì, questo nero è bellissimo!"

"Mmm sì dai, prendo questo"

"Che bello! E' proprio bellissimo!"


Quando poi il cliente esce, trova il suo amico che gli fa le feste e gli dice quanto sia contento che finalmente abbia comprato un Citizen!!!


Secondo voi erano fatti di LSD? O magari erano i veri protagonisti del nuovo film con Brad Pitt "Il curioso caso di Benjamin Button", in cui lui è un bambino nel corpo di un vecchio - in ogni caso, "Giuseppe" è un nome fittizio, non mi ricordo cme si chiamava il tipo.

Erano straesaltati... mai visto un acquisto così "sentito" :) Inoltre, il primo uomo fungeva da commesso, ea lui ad esaltare gli orologi al posto mio e a convincere il suo amico. Forse dovrei assumerlo!

Sti clienti li metto subito nella categoria "clienti stupendi": han comprato, mi hanno regalato una scenetta stupenda e si sono auto-venduti un orologio!

15 commenti:

  1. utente anonimo3 marzo 2009 10:50

    Strafatti di proz@c ??

    RispondiElimina
  2. il prozac stordisce, non eccita.

    questi mi sembravano usciti da "paura e delirio a las vegas".


    comunque, ora che ho caricato il post, vedo che sti colori son fighi..li userò per riportare le conversazioni nel futuro! :)


    RispondiElimina
  3. utente anonimo3 marzo 2009 11:07

    Scusa, non sono un esperto.

    Mi dimenticavo delle tue esperienze di soccorso (chissa quanti fatti e strafatti hai visto)

    Ottimo blog - Grazie

    Davide

    RispondiElimina
  4. utente anonimo3 marzo 2009 11:23

    Sono agenti segreti, mandati dal tuo amico FBI, per verificare che in effetti tu venda _davvero_ orologi alla gente e non sia una spia dell FSB li apposta per controllarne le mosse travestito da orologiaio


    Andy

    RispondiElimina
  5. Ma l'altra signora recitava un ruolo muto? ;-)

    RispondiElimina
  6. utente anonimo3 marzo 2009 12:41

    ma i colori li hai uati per endere più psichedelico (e dunque adatto al contenuto) il racconto?

    hhahahaha

    sylvia

    RispondiElimina
  7. utente anonimo3 marzo 2009 12:56

    Cocoon!! XD

    RispondiElimina
  8. Probabilmente avevano la stessa malattia di Beniamino Bottone! Sarebbe stato da fare il test dell'orologio da bambini a vedere se gli piaceva...

    RispondiElimina
  9. utente anonimo3 marzo 2009 18:27

    Curiosita':Quando costava il citizen?


    Daniele

    RispondiElimina
  10. daniele: era uno da 168 euro, "facciamo 165" :)

    RispondiElimina
  11. utente anonimo4 marzo 2009 16:00

    Grazie.

    Pero' che botta di vita a quell'eta'!

    E' un post che infonde speranza.

    RispondiElimina
  12. utente anonimo4 marzo 2009 16:01

    scusa,l'anonimo sopra sono sempre io.


    Daniele

    RispondiElimina
  13. MMhh.. giuseppe... guarda quanto è buona questa pastina. Se non la mangi tu la mangio io, eh? Guarda........... mmmhh........... che buona....... apri la boccuccia dai....

    RispondiElimina
  14. esistono ancora gli orologi FlikFlak? no perche in caso sarebbero stati perfetti.

    RispondiElimina