martedì 21 aprile 2009

Xenofobia

In negozio c'è una tizia sui 55 che deve cambiare cinturino. Dopo 3 milioni di parole fatte, ne sceglie uno da 10 euro, e glielo vado a montare. Appena mi siedo per montarlo, suonano alla porta, mi alzo, apro, saluto la coppia che entra e che mi dice che vuole dare un'occhiata agli orologi, e torno di là a montare il cinturino (ovviamente dal retro-negozio vedo tutto il negozio).


Ci metto tipo 2 minuti a cambiare cinturino e a mettere la fibbia del colore giusto, quando torno di là la tipa del cinturino è in sbattimento, e nel frattempo la coppia è davanti alla porta e mi dice che han guardato, arrivederci, gli apro la porta ed escono.


La tipa:


"Ma non poteva farli uscire prima?"

"Ops... non mi hanno chiesto di uscire, io ero di là a montarle il cinturino e non mi sono accorto che avevano già finito di guardare, dice che si sono seccati perchè li ho tenuti dentro?"

"No, è che io avevo paura!"

"Eh? Ma di cosa?"

"Erano due tipo albanesi, secondo me volevano fare una rapina."

"A me sembrava una coppia normale, che ci devo fare?"

"Io cercavo di farle l'occhiolino e di attirare la sua attenziona ma lei non tornava di qui, io avevo paura."

"Guardi che io ci vedo dal mio posto di lavoro nel retro, ci fosse stato bisogno sarei arrivato subito. Ma a me pare che non le hanno neanche rivolto la parola."

"Ma io li conosco, sono sempre al mercato a chiedere la carità"

"Bah... io non li ho mai visti e qui oggi non han chiesto niente, meglio così no?"

"Lei non doveva lasciarmi da sola con loro"

"Boh... dice? E il cinturino come lo cambiavo?"

"E non deve aprire la porta a chiunque suoni"

"Mi sembra esagerata"

"E' una questione di sicurezza, io avevo paura"

"Ma paura di cosa?"

"Erano albanesi, o forse croazi"

"E quindi?"

"Lei deve tenere la porta chiusa"

"Era chiusa, infatti!" (la prendo in giro con sta frase)

"No, chiusa per chi entra"

"E per chi esce?"

"Aperta come uscita di sicurezza"

"Signora... ma che sta dicendo?"

"..."

"Vabbè sono dieci euro."

"La porta la chiuda!"

"Signora, al mio negozio ci penso io, grazie, lei non si preoccupi"

"Non è un negozio sicuro"


Mano destra sulle palle vistosamente, e saluti con la sinistra mentre spedisco fuori sta paranoica senza nemmeno salutare.

Pesante...!


Questo è anche, per l'ennesima volta, per cercare di far capire ai lettori "astiosi" verso il fatto che non cambio le pile subito: mi è impossibile cambiare una pila subito, essendo io da solo in negozio e dovendo controllare tutto quel che succede anche nei due minuti che ci metto a cambiare una pila o un cinturino. Poi succedono ste scene da asilo... meglio le cose farle con calma la sera.

27 commenti:

  1. Eh però anche tu...se erano davvero CROAZI c'era da preoccuparsi! :D

    RispondiElimina
  2. utente anonimo21 aprile 2009 14:17

    Mi piace l'idea della signora del mettere la porta sempre aperta in uscita. Sarebbe proprio il massimo della sicurezza anti-rapine, chiaramente. Un cervello fine!

    RispondiElimina
  3. Croazi è una bella definizione di popolo però ...

    Magari poi per la signora gli abitanti della Scozia sono gli "Scozi"

    RispondiElimina
  4. "Croazi" comunque è una curiosa definizione di popolo.

    Poi magari per la signora gli abitanti della Scozia sono gli "Scozi"

    E allora tutto torna ...

    RispondiElimina
  5. utente anonimo21 aprile 2009 14:41

    ahahah che squallore...fa il paio con un po' di sciure che frequentano il posto dove lavoro io...pensa che alcune non si vergognano neanche di leggere "la padania" in pubblico!

    Ga

    RispondiElimina
  6. Pensa che avevo un vicino di casa che ogni volta che usciva chiudeva la porta a doppia mandata con sua moglie dentro "per paura degli zingari".

    Perchè, che fanno, vengono proprio da te al quarto piano di un palazzo???

    Fobie allo stato puro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Perchè, che fanno, vengono proprio da te al quarto piano di un palazzo???"

      Si, e quando un paio di zingare verranno a svaligiarti casa minacciandoti ne riparleremo. Vivi pure nel tuo bel mondo comunista di amore, fiorellini e amicici tutti.

      Elimina
  7. utente anonimo21 aprile 2009 18:15

    Orologiaio,mi meraviglio di te.Mette a rischio l'incolumita' di una cliente in questo modo.Eh no,non ci siamo.

    RispondiElimina
  8. Se dico che "NON VEDEVA L'ORA che se ne andassero", faccio una battuta scontata, vero?

    RispondiElimina
  9. secondo me quei due avrebbero dovuto aver paura della signora!

    RispondiElimina
  10. evidentemente con i soldi della carità si guadagna bene.. se poi gli permette di andare in giro x orologerie :D

    RispondiElimina
  11. ...ma che stiano a casa loro, questi qua, che ora vengono pure a rubarci il montepremi del GrandeFratello...

    RispondiElimina
  12. Pazzesco, ma d'altra parte la simpatica signora spiega perchè la lega stia crescendo così tanto ultimamente. Prima queste cose gli xenofobi le pensavano soltanto, ora dato che sono state sdoganate dal governo non si vergognano neanche più a dirle ad alta voce. Roba da matti!

    RispondiElimina
  13. Pensa se invece di semplici albanesi o croazi fossero stati dei terribili cAmunisti. Fuoco e fiamme, peste e carestia, terrore e distruzione !

    RispondiElimina
  14. utente anonimo22 aprile 2009 16:20

    Lei deve tenere la porta chiusa"

    "Era chiusa, infatti!" (la prendo in giro con sta frase)

    "No, chiusa per chi entra"

    "E per chi esce?"

    "Aperta come uscita di sicurezza"

    "Signora... ma che sta dicendo?"


    questo pezzo in cui la confondi è stupendo. ahahahahaha.

    durpes

    RispondiElimina
  15. Eh già, a quanto pare adesso l'orologiaio deve anche assicurare protezione alle clienti paranoiche... Che gente!

    RispondiElimina
  16. beh, non vedo perche tu abbia dovuto prendere in giro la Sign.ra Borghezio:D:D:D!

    RispondiElimina
  17. Ahahah "non è un negozio sicuro" :D

    Ci vuole 'na pazienza con la gente -_-, hai tutta la mia solidarietà.

    Complimenti per il blog, me l'hanno segnalato ieri e l'ho subito aggiunto ai miei preferiti!

    Ciao, Lucia

    RispondiElimina
  18. Che rincoglionita di donna... =_=

    RispondiElimina
  19. Io fossi in te mi terrei sotto al bancone dello spray al peperoncino, o un taser. Potrebbero tornarti sempre utili. No, non intendo contro i croaziani o gli albani, ma contro clienti di questo tipo. O altri petulanti. Una scarica di 6secondi a 200mila volt dovrebbe servire a dissuaderli dal continuare a parlare... credo...

    RispondiElimina
  20. ma di che si è fatta sta tipa? -___-

    RispondiElimina
  21. utente anonimo24 aprile 2009 16:54

    Ma che gente di merda...

    P.S. Ma solo io ho casini a vedere la parola di sicurezza x lasciare commenti? Cazzo, è un incubo...

    MAO

    RispondiElimina
  22. no mao, ieri anche io ho avuto problemi (mentre ero sloggato per lasciare un commento su un altro blog). è diventata minuscola la password, boh... che scemata!

    RispondiElimina
  23. Ma tutte a te le scassamaroni???

    Se aveva timore per la SUA incolumità poteva uscire LEI dal negozio e recuperare l'orologio più tardi...

    RispondiElimina
  24. Aahahahhahah! Mi assumi come apprendista? :D

    RispondiElimina