sabato 26 aprile 2008

Vendita Miracolosa

Entra un tizio, vestito un po' dimesso. Con aria vaga mi fa:


"Vorrei... uno di quegli orologi lì"

(indica la vetrina girevole dei Casio che si ammira dalla strada)

"Certo, sa già che tipo di orologio?"

"Sì, adesso quando gira e arriva lo indico"


Il dito cade sull'orologio più costoso dei Casio: un altimetro / barometro / bussola radiocontrollato a carica solare con cinturino in Titanio (il tutto a sole 350 euro). Glielo tiro fuori chiedendogli la classica domanda (anche per riempire il silenzio cosmico che ha colto il cliente): "Questo è un bell'orologio pieno di funzioni, sa già tutte le sue caratteristiche?"


"Sìsì. Ok mi piace lo prendo."


Inizio a pensare sia un pazzo in stile FBI, mi prendo un po' male, ma vabbè, andiamo avanti con la vendita.


"Glielo aggiusto come larghezza sul polso?"

"No, mi va bene così. Ecco i soldi"


Caccia sul banco 350 euro cash in silenzio.


"Grazie, aspetti che le devo dare le istruzioni e la garanzia!"


Timbro al volo la garanzia, gli chiedo di nuovo se vuol sapere come funziona l'orologio, poi vado in cassa strofinando le banconote per vedere se sono vere. Sono vere. Gli faccio lo scontrino, gli dico che anzichè pagare 350 gli faccio 335 perchè è stato un cliente velocissimo, ma niente, non riesco a farlo sorridere o a farlo parlare... prende i soldi, ringrazie per lo sconto e se ne va.


Per sta transazione ci sono voluti circa 4 minuti, e perchè l'ho tirata lunga io.

Non mi potrebbe capitare non dico una volta al giorno, ma due volte alla settimana, un cliente così?

Uno che non si imbambola per 45 minuti davanti agli orologi da 35 euro per decidere come investire il capitale, che non mi fa domande sul funzionamento di un orologio a pila che segna solo le ore, nemmeno la data, che non mi chiede se all'orologio digitale si possono impiantare le lancette, e che non chiede nemmeno quanto gli faccio di sconto?


Sia lodato questo giorno e questo cliente, che le sue gite in montagna siano protette e sicure grazie alla bussola e all'altimetro!!!



9 commenti:

  1. Ciao, ma chissà poi se quell'orologio lo usa davvero per tutte le funzioni che ha.. Aveva la faccia bruciata dal sole? Tipico segno di chi passa in montagnia tutti gli week end a camminare...

    RispondiElimina
  2. utente anonimo27 aprile 2008 01:54

    wow... dev'essere il mio gemello. io sono cosi' con lo shopping.


    guardo, punto, provo, compro.


    Una volta ho dovuto quasi sicutere con una commessa xche io volevo una felpa che stava nel reparto "ragazzi".. e lei nn si capacitava del perche' volessi una felpa da ragazzo... Mi ha portato 3 volte al reparto "femmene".. mi guardava come si guardavano le presunte streghe nel medioevo :P

    RispondiElimina
  3. utente anonimo27 aprile 2008 01:55

    ovviamente sono Sabry :P

    RispondiElimina
  4. utente anonimo27 aprile 2008 23:45

    Probabilmente era sicuro dell'acquisto e l'avavapianificato da tempo.Quando vuoi comprare una cosa che desideri vai spedito senza perdere tempo.

    RispondiElimina
  5. forse è un nostro collega!O magari era un killer in incognito,ecco magari hai servito un tipo stile Soprano-telefilm che mi son sempre rifiutato di vedere,come dr house-

    RispondiElimina
  6. senti, scusa, ma ceccacchio è un orologio??

    :-DD

    RispondiElimina
  7. io sono una delle due donne al mondo che odia lo shopping. compro scarpe e borse solo se mi servono, solo che quando servono non ho tempo di guardare in giro, per cui oggi mi sono imposta di comprare qualcosa. sono entrata in un negozio, ho guardato le scarpe esposte, ho scelto un paio, ho provato, ho pagato e me ne sono andata. ci ho messo 5 minuti di cui 3 ad aspettare che fosse servita la tipa che c'era prima di me.

    io però ho speso 15€, per 350€ ci avrei messo molto di meno, giusto il tempo di scappare lasciando la nuvoletta di polvere :-)

    RispondiElimina
  8. e ripenso con gratitudine ai clienti che pongono domande magari vaghe, ormai so cosa in realtà vorrebbero sapere e spiego chiaramente le cose. loro magari prendono appunti o cercano di capire senza fare gli ottusi e restano soddisfatti.

    ma se penso a certi fenomeni delle banche/agenzie assicurative cui devo spiegare con difficoltà anche il funzionamento di una pagina di procedura web, mi vien male...

    RispondiElimina